02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PROMOZIONE

Tra New York e Houston, il Chianti in Usa, in abbinamento con cinema, pizza e Tex-Mex

Tra tasting ed experience, dopo quasi due anni, i produttori della denominazione rossista più grande d’Italia tornano Oltreoceano (con Iem)
CHIANTI, CINEMA, HOUSTON, Iem, NEW YORK, PIZZA, PROMOZIONE, TEX-MEX, Mondo
Il “Chianti Lovers U.S. Tour 2022”

Le icone del cinema innamorate del Chianti e la pizza, simbolo per eccellenza della cucina italiana nel mondo, accompagnano il Consorzio Chianti nel suo ritorno, dopo il lungo stop forzato dalla pandemia, negli Stati Uniti, con il “Chianti Lovers U.S. Tour 2022” firmato dalla Iem di Marina Nedic e Giancarlo Voglino, insieme a “VinePair”, testata enoica particolarmente seguita dai giovani winelovers d’Oltreoceano. Due date - oggi a New York e il 13 gennaio a Houston - con 25 aziende del Chianti in un format originale che unisce degustazioni tecniche ad esperienze suggestive e divertenti, per riaccendere i riflettori a stelle e strisce sul vino toscano.

La prima tappa, nel cuore di Manhattan, porta nei calici il Chianti Riserva 2017, con una degustazione orizzontale dei vini delle sette sottozone, guidata da Adam Teeter (founder di VinePair) e Robin Kelley O’Connor (wine expert), coordinati da Luca Alves (Wine Ambassador del Consorzio). Il taglio della degustazione sarà decisamente immersivo, per una “Chianti Lovers Experience” che riaccenda l’entusiasmo per il Chianti: nella seconda parte, infatti, la fantasia dei partecipanti sarà stuzzicata con un format inedito di abbinamento tra vino e cinema, in cui verranno proiettate sette clip tratte dalle più disparate produzioni internazionali, tra passato e presente, dove il vino Chianti è citato o raffigurato in maniera esplicita, a conferma della sua iconicità e familiarità nel mondo.

C’è il professor Hannibal Lecter che ne “Il Silenzio degli Innocenti” pronuncia l’inquietante frase: “Mangiai il suo fegato con un bel piatto di fave e un buon Chianti”; ma anche una puntata dei “Simpson” ambientata in un paesino della Toscana dove si produce il Chianti, e una scena del mitico “007 Dalla Russia” con amore in cui al ristorante dell’Orient Express, accanto a una bottiglia di champagne c’è un fiasco di Chianti, ma anche tante altre chicche di grandi cineasti e mostri sacri del cinema. Solo dopo ci sarà spazio per il consueto incontro con il trade e la stampa locale, cui seguirà un evento speciale dedicato ai consumer: il “Chianti Lovers Pizza Party” un “one night show” che pone l’accento su due icone di italianità e gusto: il Sangiovese toscano sarà lo sparring partner di cinque blasonate pizzerie locali, che si sfideranno in una gara di stile e abbinamento con i migliori vini, per l’occasione tutti serviti in magnum e doppia magnum.

Il 13 gennaio, invece, il Consorzio del Chianti fa il suo esordio nell’emergente mercato del Texas, a Houston, seguendo uno spartito più classico: al mattino il seminario condotto da Jeremy Parzen getterà le basi necessarie per la comprensione della denominazione, poi ci sarà il “walk around tasting” che vedrà protagoniste le 25 aziende associate e i loro vini, che saranno presentati anche a una delegazione speciale di buyers invitati dagli stati limitrofi. Infine, sulla scia del binomio Chianti-gastronomia locale, il sipario calerà sul tour americano con “Chianti Lovers Tex-Mex Night”, dove il rosso italiano più famoso nel mondo si abbinerà alla cucina fusion texana-messicana.

“Siamo felici di tornare negli Stati Uniti con un numero così importante di aziende - commenta il presidente del Consorzio Vino Chianti, Giovanni Busi - che hanno l’opportunità di mettersi in mostra su un mercato sempre più strategico per la promozione del Chianti. Sono anche soddisfatto dei nuovi format, questi eventi confermano la vitalità della Denominazione Chianti che si impegna per essere non soltanto un’eccellenza italiana, ma anche un prodotto alla portata di tutti, che sa comunicare e farsi conoscere anche dai giovani grazie ad un linguaggio giovanile e attività innovative”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli