02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DATI OEMV

Usa, nel primo semestre 2022 le importazioni di vino crescono del 7,1% a 3,5 miliardi di dollari

Rallenta l’Italia, che cresce a valore del 4,8% a 1,13 miliardi di dollari. Fa meglio la Francia, spinta dalla performance delle bollicine
EXPORT, IMPORT, MERCATO, PRIMO SEMESTRE 2022, USA, vino, VINO ITALIANO, Mondo
Il mercato del vino Usa

Nei primi sei mesi del 2022 gli Usa hanno importato 3,5 miliardi di dollari di vino, il 7,1% in più del primo semestre 2021, per 693,2 milioni di litri (+4,6%), ad un prezzo medio di 5,05 dollari al litro (+2,4%). Come raccontano gli ultimi dati dell’Oemv - Observatorio Español del Mercado del Vino, analizzati da WineNews, la maggior parte della spesa (2,38 miliardi di dollari, +5,1%) è destinata ai vini fermi imbottigliati, 882 milioni di dollari vanno agli sparkling (+15,7%) e 218,8 milioni di dollari ai vini sfusi (+0,7%).

Il primo partner commerciale è la Francia, a quota 1,26 miliardi di dollari (+8,6%) di vino esportato verso gli Usa, seguita a poca distanza dall’Italia, a quota 1,13 miliardi di dollari (+4,8%), con una frenata sui ritmi di crescita registrati sin qui da inizio anno. Dopo i primi 5 mesi del 2022, come raccontavano gli ultimi dati Istat (qui), l’evoluzione era stata del +12,5% sul 2021. Da giugno in avanti di un anno fa gli Usa, come tutto il resto del mondo, tornavano alla normalità, così come i loro consumi, per cui un riallineamento tra 2021 e 2022, sul lungo periodo, non dovrà stupire. Staccatissimi, Nuova Zelanda (259,5 milioni di dollari, +11,2%), Spagna (178,3 milioni di dollari, -5,3%) e Australia (162,6 milioni di dollari, +16,7%).

A volume è sempre l’Italia il primo fornitore di vino (e mosto) degli Usa, con 186,1 milioni di litri (-0,2%) esportati nel primo semestre 2022, con il Canada al secondo posto (99,4 milioni di litri, -9,2%) e la Francia (96,8 milioni di litri, -2,5%) al terzo, quindi Cile (73,7 milioni di litri, +14,9%) e Australia (66,5 milioni di litri, +21,2%). In difficoltà la Spagna, con 32,6 milioni di litri e in caduta del -11,8%.

Numeri che non solo consolidano il primato degli Usa come principale mercato a valore del mondo, ma che segnano anche il sorpasso sulla Germania in termini di volumi. Come visto, la crescita delle bollicine è la più sostenuta, e ne beneficiano soprattutto la Francia, con un giro d’affari per la categoria di 525,9 milioni di dollari (+21,4%), e l’Italia, con 299,7 milioni di dollari (+10,7%), mentre la Spagna perde l’8,6% e arretra a 43,4 milioni di dollari. Guardando all’imbottigliato fermo, l’Italia si conferma al top, sia a volume (121,3 milioni di litri, -4%) che a valore (820,2 milioni di dollari, +2,8%). La Francia è staccatissima nei volumi, con 66,8 milioni di litri (-1,6%), ma non certo nei valori, a quota 696,5 milioni di dollari (+6,3%), con un prezzo medio che premia decisamente i vini francesi: 10,42 dollari al litro, contro i 6,76 dollari al litro dell’imbottigliato italiano.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli