02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GIORNATA MONDIALE DEL LATTE

World Milk Day, oggi si celebrano latte, burro, yogurt e formaggi, protagonisti del lockdown

L’Italia produce 12 milioni di tonnellate di latte vaccino l’anno: una filiera da 20 miliardi di euro, oggi in crisi per la chiusura del canale Horeca
Confagricoltura, FORMAGGIO, LATTE, WORLD MILK DAY, Non Solo Vino
World Milk Day, oggi si celebrano latte, burro e formaggi, protagonisti del lockdown

Ingrediente fondamentale di moltissime ricette Made in Italy, nonché alimento che accompagna molte persone dall’infanzia all’età adulta, il latte rappresenta una parte fondamentale della Dieta Mediterranea, e anche per questo la Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’agricoltura e l’alimentazione, ha deciso nel 2001 di dedicargli una Giornata Internazionale, che ricade proprio oggi, 1 giugno. In tutto il mondo si celebra quindi la Giornata Mondiale del Latte, e come ricorda Confagricoltura, in Italia in piena Fase 2 dell’emergenza Covid-19, che in qualche modo a riportato sotto ai riflettori l’importanza che latte, yogurt, burro, latticini e formaggi hanno nel carrello della spesa degli italiani. I consumi e le modalità di approvvigionamento però sono cambiati rapidamente: si è scelto il latte UHT a lunga durata e spesso i prodotti lattiero-caseari sono stati consegnati con sistemi di delivery (la spesa online secondo Ismea è cresciuta del 160% su base annua).

Il latte vaccino, sottolinea ancora Confagricoltura, è il simbolo del settore lattiero-caseario: l’Italia ne produce circa 12 milioni di tonnellate all’anno, e ha una filiera che, tra fase primaria e trasformazione, rappresenta un valore prodotto di 20 miliardi di euro, di cui circa un quarto attribuibile alla produzione agricola. I prodotti lattiero caseari incidevano per oltre il 7% sull’export agroalimentare nazionale e la filiera vuole tornare ad acquisire e ad accrescere quella quota di mercato.

Nel lockdown in Italia, le difficoltà legate alla chiusura del canale HoReCa hanno sicuramente penalizzato i produttori che non hanno potuto compensare il crollo della domanda di hotel, ristoranti ed altri pubblici esercizi;
ne hanno risentito soprattutto il mercato del latte in generale (-25% quotazioni latte “spot”) e dei formaggi “tipo grana” (calo quotazioni di Grana Padano e Parmigiani di -10 e -20%, ma anche maggiore).

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli