02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SAPORI E TERRITORI

Aceto Balsamico, l’“oro nero” di Modena vale 1 miliardo di euro. E le acetaie aprono le porte

Il 29 settembre è “Acetaie Aperte”, alla scoperta della storia dell’Aceto Balsamico di Modena Igp e l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop
ACETAIE APERTE, ACETO BALSAMICO DI MODENA, Non Solo Vino
Aceto Balsamico, l'oro nero di Modena, vale 1 miliardo di euro

Lambrusco, Sangiovese, Trebbiano, Albana, Ancellotta, Fortana e Montuni: da queste uve, e dai loro mostri, dopo un lungo tempo passato nei caratelli, nascono due perle preziose dell’agroalimentare italiano, l’Aceto Balsamico di Modena Igp e l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop. Un tesoro, “l’oro nero di Modena” che vale 370 milioni di euro alla produzione, e ben 1 miliardo di euro al consumo, di cui il 92% all’export, in 120 Paesi del mondo. E la cui origine si potrà toccare con mano, il 29 settembre, con “Acetaie Aperte”, evento organizzato dai due Consorzi di Tutela in 38 acetaie della provincia di Modena. Tra degustazioni, abbinamenti, showcooking, visite ai vigneti e alle acetaie, ed una inedita verticale di cinque aceti balsamici, Igp e dop, in una antica torre del XVI secolo.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli