02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EMERGENZA E SOLUZIONI

Agricoltori, industrie alimentari e distribuzione: nasce l’alleanza salva spesa made in Italy

Coldiretti: insieme per garantire le forniture alimentari agli italiani e combattere le speculazioni sul cibo
Coldiretti, FILIERA AGROALIMENTARE, MADE IN ITALY, PATTO MADE IN ITALY, Non Solo Vino
A Parma, il 10-11 aprile, è Cibus Connect: focus sull’export made in Italy

Un’alleanza salva spesa made in Italy che mette insieme agricoltori, industrie alimentari e distribuzione commerciale, per garantire la regolarità delle forniture alimentari agli italiani e a combattere qualsiasi forma di speculazione sul cibo, dai campi alle tavole. Lo rende noto la Coldiretti, promotrice, insieme a Filiera Italia, dell’iniziativa che coinvolge anche Conad, Coop, Auchan, Bennet, Cadoro, Carrefour, Decò, Despar, Esselunga, Famila, Iper, Italmark, Metro, Gabrielli, Tigre, Oasi, Pam, Panorama, Penny, Prix, Selex, Superconti, Unes e Vegè.
“Ogni giorno 3,6 milioni di lavoratori coltivano, allevano, trasformano, trasportano e distribuiscono tutti i prodotti alimentari di cui il Paese ha bisogno - si legge nell’appello rivolto a cittadini e istituzioni - prodotti che i consumatori trovano sempre a loro disposizione sugli scaffali. Anche in questi momenti di emergenza la catena produttiva, logistica e distributiva è riuscita a garantire i beni necessari per tutte le famiglie italiane. Il modo per ringraziare tutte queste persone è uno solo: ogni volta che puoi chiedi e compra prodotti italiani”.
L’alleanza vigilerà sulla filiera per premiare e valorizzare chi adotta pratiche commerciali corrette e trasparenti ed escludere e denunciare chi specula o approfitta di situazioni di carenza o di eccesso di prodotto abbassando il prezzo ingiustificatamente sui prodotti più richiesti. “Chiediamo al Governo e alle autorità pubbliche di aiutarci nel lavoro di rifornire gli italiani dei beni essenziali - continua la nota - con provvedimenti semplici e chiari che permettano con la massima sicurezza possibile la continuità della raccolta, della produzione, della trasformazione e della distribuzione dei prodotti di largo consumo. Invitiamo tutte le altre organizzazioni dell’agroalimentare ad aderire a questi impegni e ad unirsi a noi in questa battaglia fatta nell’interesse di una filiera virtuosa, dei cittadini italiani e più in generale del nostro meraviglioso Paese”.
La filiera allargata dai campi agli scaffali, sottolinea la Coldiretti, vale 538 miliardi di euro pari al 25% del Pil e offre lavoro a 3,6 milioni di persone impegnate a garantire quotidianamente le forniture alimentari attraverso 740.000 aziende agricole, 70.000 industrie alimentari e 230.000 punti vendita in Italia.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli