02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Alla vigilia del “World Pasta Day”, i numeri del settore e le tendenze tra salutismo e grani antichi

Aidepi: nel mondo un piatto di pasta su 4 parla italiano. Coldiretti: con etichetta made in Italy il Senatore Cappelli sugli scudi
AIDEPI, Coldiretti, GRANI ANTICHI, PASTA, WORLD PASTA DAY, Non Solo Vino
La pasta, passione italiana, celebrata nel mondo

Il mondo celebra la pasta, e alla viglia del “World Pasta Day” n. 20, di scena domani a Dubai, i numeri raccontano un settore in salute in ogni angolo del mondo, dove un piatto di pasta su 4 parla italiano, con la quota export della pasta tricolore che è passata, negli ultimi 20 anni, da 740.000 a 2 milioni di tonnellate, come raccontano i dati Aidepi, l’Associazione delle industrie del Dolce e della Pasta Italiane. In Germania, Regno Unito, Francia e Stati Uniti, che valgono la metà della quota export totale di pasta, la crescita media delle esportazioni nei primi 7 mesi del 2018 è stata del +8%, con punte del +11% in Francia. Allargando lo sguardo al resto del mondo, le performance più rilevanti si registrano in Olanda, Polonia, Arabia Saudita, Australia, Corea del Sud e Ecuador. Da segnalare anche l’ottima performance della Russia, dove nei primi 7 mesi del 2018 l’export di pasta segna una crescita del +72,5%, per un quantitativo di 20.000 tonnellate, non lontano dalla quota export complessiva del 2017 (23.000 tonnellate).
Bene i numeri, ma cambia l’offerta, che deve giocoforza incontrare i gusti e le necessità dei consumatori: tra pasta integrale, biologica, senza glutine, quella di semola di grano duro resta comunque di gran lunga la più consumata, con gli spaghetti ancora al top tra i formati. La vera novità, come ricorda invece la Coldiretti, arriva dai grani, con il boom dei grani antichi. Come il Senatore Cappelli, che nel 2017-2018 ha aumentato del 400% le superfici coltivate, passando dai 1.000 ettari del 2017 ai 5.000 attuali, trainato dal crescente interesse per la pasta 100% italiana e di qualità. Il “Senatore” Cappelli, sottolinea la Coldiretti, è ora il grano duro antico più coltivato in Italia, dove è stato selezionato nel 1915, e dopo essere quasi scomparso nella metà degli anni Nonvanta, ma tra i grani salvati dall’estinzione ci sono anche il Timilia, il Russello, il Saragolla e molti altri. Una riscoperta legata, secondo la Coldiretti, anche all’entrata in vigore in Italia dell’etichetta made in Italy per la pasta, che ha portato alla nascita di marchi e linee che garantiscono l’origine nazionale al 100% del grano impiegato, da La Molisana ad Agnesi, da Ghigi a De Sortis, da Jolly Sgambaro a Granoro, da Armando a Felicetti, da Alce Nero a Rummo e Voiello.
Tornando ai numeri, nell’ultimo anno le varianti salutistiche di pasta (integrale, bio, senza glutine, kamut, farro, con semole speciali) hanno mostrato tassi di crescita vicini al +12%, con punte del +18% nel caso della pasta integrale. Anche se nei volumi il peso della pasta di semola tradizionale rappresenta ancora l’85% del mercato, con gli italiani che si confermano i maggiori consumatori al mondo di pasta (23 chili pro capite all’anno),</b< dove la mangiano tutti, o quasi (99%) i nostri connazionali, in media circa 5 volte a settimana. Con una curiosità: il 46% la considera come l’alimento preferito, per ragioni di gusto o di salute (dati Doxa-AIDEPI). Ma l’Italia è anche il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con 4,3 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,3 milioni di ettari che si concentra nell’Italia meridionale, soprattutto in Puglia e Sicilia, che da sole rappresentano circa il 40% della produzione nazionale.

Focus - Come riconoscere una pasta di qualità
La qualità della pasta è il risultato sia della qualità della materia prima che del processo produttivo adottato. Tra gli elementi che bisogna considerare c’è innanzitutto il colore: una pasta di qualità deve avere una tonalità di giallo ambrato omogeneo, senza puntini chiari o scuri. Anche la limpidezza dell’acqua è un indizio importante, perché significa che la pasta limita il rilascio dell’amido e questo è garanzia di una migliore tenuta in cottura. Un’altra caratteristica importante è la consistenza della pasta dopo cottura in quanto il consumatore richiede una determinata resistenza al morso, ossia “al dente” e non gradisce una pasta che sia collosa durante la masticazione. Per quanto riguarda la materia prima, è importante scegliere varietà di grano di qualità. “Il glutine si forma durante il processo di impastamento dall’unione di due proteine di riserva del frumento: gliadine e glutenine - spiega il professor Stefano Benedettelli del Dipartimento di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze - e la qualità tecnologica dipende sia dalla quantità di glutine che dalla sua qualità (composizione chimica)”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli