02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECCELLENZE ITALIANE

Col guanciale Amatriciano e senza aglio: la Ue vuole proteggere la vera ricetta dell’Amatriciana

L’Unione Europea ha richiesto l’iscrizione del famoso condimento come Specialità Tradizionale Italiana, nessuna “rivisitazione” ammessa
AMATRICIANA, Non Solo Vino
L’Amatriciana sta per essere riconosciuta Specialità Tradizionale Italiana dalla Ue

Non solo simbolo della tradizione culinaria italiana, quella più radicata all’anima contadina del territorio, ma anche icona della rinascita e della voglia di ricominciare di una città e di un’intera Regione: l’Amatriciana, famoso condimento, protagonista di scene epiche al cinema, e nell’immaginario di tutti rappresentate di Roma e dintorni, ma che proprio alla sua patria, Amatrice, ha dato la forza di rialzarsi dopo il terremoto del 2016, adesso sta per essere iscritta come Specialità Tradizionale Italiana. L’Unione Europea ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la richiesta d’iscrizione che prevede, in caso di approvazione, un marchio di riconoscimento che tutelerà la ricetta originale da falsificazioni e dalla piaga dell’italian sounding. Nessuna “rivisitazione” ammessa quindi: il guanciale dovrà essere di tipo Amatriciano dal 18 al 30%, il pecorino del tipo Amatriciano o Romano Dop del Lazio grattugiato, il pomodoro in passata o in pelati in pezzi dal 69 all’81%. Sarà vietato l’uso “di ingredienti quali aglio, cipolla o pancetta”, mentre invece la proposta prevede l’utilizzo di pepe e peperoncino quanto basta.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli