02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA STAGIONE È NEL VIVO

Il calo di domanda fa scendere i prezzi del tartufo, buono in qualità e quantità: fino 2.500 euro/kg

Da Alba, capitale del “bianco” delle Langhe, lo dicono i “trifolau” a WineNews. Dalle Crete Senesi all’Umbria ed Acqualagna, si parte da 1.000 euro/kg

Tra i prodotti che la natura regala in questo anno particolare, il tartufo è buono in quantità, molto buono in qualità. Un simbolo della tavola italiana e tra le produzioni più prestigiose al mondo, il prezioso bianco soffre, evidentemente, per il calo della domanda e di mercato, per la chiusura della ristorazione italiana nei nuovi lockdown e le incognite di quella mondiale, ma anche per i consumi dei foodies colpiti dall’emergenza Covid che ha impedito alle fiere di andare in scena ed accoglierli. La conseguenza, nei prezzi che scendono a 1.800-2.500 euro al kg, come dicono a WineNews, i “trifolau” da Alba, capitale mondiale del tartufo bianco delle Langhe, dove la Fiera Internazionale n. 90 non si ferma, ma continua fino all’8 dicembre in digitale. In una lunga stagione per il tartufo italiano che durerà fino a fine gennaio, ma che, in tutti i territori più vocati d’Italia è piena di incertezze anche in vista delle ormai prossime festività, e nella cerca, per le difficoltà di raccolta dovute alle limitazioni agli spostamenti dei cavatori. Dalle Crete Senesi in Toscana, all’Umbria ed Acqualagna nelle Marche, si parte da 1.000-1.200 euro al kg e non si superano i 2.500, in una stagione di raccolta che è nel vivo, buona, anche qui più nella qualità che nella quantità.
La qualità resta buona, sottolineano i tartufai, ma sui 2.000-3.000 euro al kg alla vigilia dell’apertura della Fiera Internazionale di Alba, i prezzi sono scesi, con la ristorazione chiusa e la crisi dell’horeca che assorbono quasi tutto il prodotto, e l'asporto ed i consumi privati che non possono certo compensare la domanda di un prodotto di nicchia. Per i gourmet, il consiglio dei tartufai, è quello di rivolgersi ai cavatori o ai negozi alimentari di fiducia, che sono aperti, contro le contraffazioni, ed alle Associazioni per informarsi su pezzature e prezzi di mercato, ma anche per ricevere garanzie sui metodi di spedizione e consegna della vendita a distanza e online di un prodotto che vive anche del gesto rituale di toccare, guardare ed annusare di persona e da vicino le diverse pezzature, fondamentale prima dell’acquisto.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli