02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GUERRA

Il conflitto in Ucraina e il rischio di una “crisi alimentare su scala globale”

L’allarme del Ministro dell’Agricoltura francese Denormandie. Paesi come lo Yemen dipendono dal grano di Kyiv, che punta al 70% del raccolto del 2021
CRISI ALIMENTARE, GRANO DURO, GRANO TENERO, Guerra, MAIS, OLIO DI SEMI, RUSSIA, UCRAINA, Mondo
Campo di grano

A lanciare l’allarme, da Versailles, dove l’10 marzo si era riunito un summit informale di Versailles che ha riunito i capi di Governo dei 27 Stati membri Ue, era stato il presidente della Repubblica francese Macron che, parlando della strategia alimentare europea, aveva sottolineato come bisogna “rivalutare la strategia di produzione anche pensando all’Africa, che verrebbe colpita da carestie fra 12-18 mesi”. E adesso, a confermare e rilanciare le preoccupazioni, è il Ministro dell’Agricoltura francese Julien Denormandie, che prima della riunione a Bruxelles con i colleghi degli altri Paesi Ue, ha parlato apertamente del rischio di una “crisi alimentare su scala globale” causata dalla guerra in Ucraina scatenata dalla Russia. L’argomento sarà al centro della riunione di oggi, cui parteciperà, in video chiamata, anche il Ministro dell’Agricoltura ucraino. L’allarme è grave, perché se è vero che l’Italia importa da Russia e Ucraina una percentuale vicina al 5% di tutte le proprie importazioni, altri Paesi, come lo Yemen, sono praticamente dipendenti dalle produzioni russe ed ucraine. Come denuncia l’Unicef, “l’interruzione dei mercati e delle catene di approvvigionamento alimentare avrà probabilmente un impatto significativo sulla sicurezza alimentare”. In Ucraina, del resto, si produce il 10% di tutto il grano del mondo (non a caso è definita il “granaio d’Europa”), ma la guerra comunque non ne azzererò la produzione. Rostyslav Shurma, Vice Capo dell’Ufficio Presidenziale, ha annunciato che Kyiv punta al 70% della produzione del 2021, nonostante il conflitto.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli