02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Il vino e il cibo del territorio si comprano anche dal tabaccaio

Agrocepi e Uit lanciano “Tipicità in Tabaccheria”, in aiuto dei piccoli e medi produttori e dei tabaccai in crisi per il calo dei fumator
CIBO, DOP, IGP, TABACCHERIA, Non Solo Vino
Il progetto “Tipicità in Tabaccheria” (ph: Agrocepi)

Non solo “Sali e Tabacchi”, ma anche pistacchi di Bronte, pasta di Gragnano Igp, oli, mieli e vini del territorio, cantucci toscani alle mandorle e liquori alle erbe della Costiera Amalfitana. Le tabaccherie italiane riprendono e fortificano la vecchia tradizione alimentare, in base all’esclusiva per la vendita di “Sali e tabacchi in regime di Monopolio di Stato” detenuta per anni, e arricchiranno la loro proposta per il consumatore con un paniere di tipicità agroalimentare che raccoglie, come sottolinea il marchio, “Il Bello e il Buono dell’Italia”. L’iniziativa, che si chiama “Tipicità in Tabaccheria”, è stata lanciata da Agrocepi e Uit-Unione Italiana Tabaccai, le federazioni dell’agroalimentare e dei tabaccai aderenti a Cepi (Confederazione Europea Piccole Imprese), e realizzata in collaborazione con l’azienda di commercializzazione e logistica alimentare Soleo e con Ita-International Tobacco Agency, colosso in Italia nel settore dei prodotti e servizi per le tabaccherie.
Una iniziativa - rimarca il presidente Agrocepi, Corrado Martinangelo - che si propone come una grande alleanza a favore del prodotto 100% italiano. Intendiamoci non intendiamo fare concorrenza al negozio alimentare di prossimità o ad altri esercizi commerciali dedicati: la nostra è una proposta di eccellenza medio-alta, per un consumatore consapevole e gourmet e per i tanti turisti che vogliono scoprire l’Italia anche nel cibo e nel vino. Diciamo che la tabaccheria sarà una sorta di enoteca di buon livello. Le imprese aderenti all’iniziativa saranno sotto il nostro marchio “La Bella e Buona Italia” ed esibiranno la certificazione rilasciata dalla piattaforma blockchain Authentico”.
“La nostra categoria ha dovuto cercare altri sbocchi visto il calo delle vendite di sigarette e le strette anche sui giochi on-line - afferma Pasquale Genovese, presidente Uit - questa iniziativa va nel senso della diversificazione e, oltretutto, pensiamo di dare un servizio utile e di valore ai consumatori: rappresentiamo infatti il cibo di eccellenza e proponiamo prodotti sostenibili e certificati. Con il progetto “Tipicità in Tabaccheria” intendiamo insomma rafforzare ancora di più il riconoscimento da parte dei cittadini della tabaccheria come negozio di vicinato che offre un’ampia gamma di servizi e prodotti al cittadino”.
Tabaccai più “versatili”, dunque, sulla scia di quanto sta avvenendo anche in altri paesi d’Europa, come Francia e Germania, “in un processo di trasformazione - come nota Roberto Urbano, direttore generale Ita - che con la pandemia ha ricevuto maggior spinta anche nel nostro Paese”. “Riforniamo 23.000 tabaccherie, e quando abbiamo presentato l’iniziativa ai nostri clienti, c’è stata subito una risposta entusiasta. A noi piace particolarmente questo progetto che esalta l’italianità, anche in antitesi all’e-commerce dei giganti del web e alle multinazionali della gdo”. Il “Paniere delle Tipicità” agroalimentari proposte in tabaccheria sarà selezionato da Soleo che da anni rifornisce gdo, pasticceri e gelaterie con prodotti selezionati e certificati.
“Tipicità in Tabaccheria è un’idea innovativa - dichiara Bartolo Aprea, project manager e operation manager Soleo - un progetto che ha un valore per tutti, consumatore compreso, al quale diamo la possibilità di acquistare prodotti dell’eccellenza agroalimentare italiana recandosi comodamente in tabaccheria. Senza dimenticare il turista, che avrà facilmente a portata un gustoso souvenir enogastronomico del Belpaese”. Naturalmente tutti i prodotti esposti in tabaccheria non sono facilmente deperibili e hanno uno shelf life che garantisce la lunga esposizione.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli