02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
AGRICOLTURA BIOLOGICA

In Europa le vendite di prodotti bio hanno toccato i 37 miliardi di euro: Italia al n. 2

I dati, presentati a Biofach, a Norimberga. Federbio: “primato italiano da difendere, serve approvazione della legge per il bio anche al Senato”
AGRICOLTURA BIO, FEDERBIO, Non Solo Vino
Le vendite di prodotti bio in Europa toccano i 37 miliardi di euro

Chi diceva che quella del biologico era solo una moda passeggera, uno dei tanti trend di mercato destinato a sfumare, si sbagliava di grosso: a livello mondiale sono quasi 70 milioni gli ettari coltivati a biologico, di cui 2 in Italia. I numeri, emersi a Biofach, il salone mondiale del cibo biologico di scena fino a domani a Norimberga, che quest’anno compie 30 anni dalla sua edizione n. 1, fanno parte della ricerca di Ifoam, Federazione internazionale dei movimenti per l’agricoltura bio, l’Istituto svizzero di ricerca sull’agricoltura biologica (FiBL) e Agrarmarkt Informations-Gesellschaft (AMI). Che sostanzialmente evidenzia come le vendite al dettaglio di prodotti biologici in Europa abbiano superato i 37 miliardi di euro, pari cioè a una crescita del 10,5% rispetto al 2016. Sono aumentati anche i produttori in Europa, del 4%. Se crescono vendita e produzione, è inevitabile che a crescere siano anche le superfici coltivate: in Europa si parla di una crescita pari a 1 milione di ettari in più: l’Italia si trova al secondo posto in Ue, con 1,9 milioni di ettari e 68.000 coltivatori, seconda solo alla Spagna.
Un grande traguardo quindi quello del Belpaese che però. Come purtroppo accade spesso, ha delle falle nel sistema normativo: a sottolinearlo è FederBio, federazione di organizzazioni biologiche di tutta la filiera italiana, che ricordando che l’Italia è la n. 1 in Europa per numero di imprese di trasformazione (che sono oltre 18.000), auspica anche che venga presto approvato anche al Senato il progetto di legge sull’agricoltura biologica. “Le dimensioni e i trend di sviluppo dell’agricoltura biologica in Europa - ha affermato Paolo Carnemolla, presidente FederBio - rendono ancora più evidente non solo l’importanza quantitativa del biologico italiano ma la necessità per l’Italia di assumere una leadership relativamente agli aspetti politici e normativi. Anche per questo non possiamo che ribadire l’appello al Governo italiano e al Senato della Repubblica di accelerare l’iter di discussione e votazione in aula del progetto di legge sull’agricoltura biologica già approvato a larghissima maggioranza dalla Camera lo scorso dicembre”. La proposta di legge, è quella presentata il 27 marzo 2018 alla Camera, che ha come obiettivo le “Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico”: per farlo, è necessario aggiornare le norme italiane alla crescita del mercato e alle norme che regolano il settore in Europa, per permetterne sia la crescita che la protezione.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli