02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CRISI ECONOMICA

Inflazione e caro energia: la produzione alimentare ora soffre più di quella industriale

Coldiretti: “alimentare a -0,7% nel terzo trimestre, contro il -0,4 dell’industria italiana”. Con le famiglie che riducono i consumi in quantità
AGRICOLTURA; ECONOMIA, ALIMENTARE, Coldiretti, ISTAT, SPESA, Non Solo Vino
La crisi pesa nel carello (ph: Tara Clark via Unsplash)

I dati di sintesi vanno interpretati, e da soli valgono per quel che valgono. Ma se spesso abbiamo raccontato che alimentare e agricoltura sono da sempre settori anticiclici nelle fasi di crisi, la situazione attuale, che vede mescolarsi inflazione in forte crescita e un caro energia e materie prime che si ripercuote su tutto, sembra rimescolare le carte. E così, con un taglio dello 0,7% nel terzo trimestre del 2022, la produzione alimentare cala quasi il doppio della media dell’industria (-0,4%) per effetto della riduzione della spesa degli italiani che con il caro prezzi hanno diminuito gli acquisti in quantità. A dirlo la Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi alla produzione industriale. “Si tratta del risultato - sottolinea la Coldiretti - delle difficoltà in cui si trovano le famiglie italiane che, spinte dai rincari mettono meno prodotti nel carrello, ma è anche il segnale dei problemi della filiera produttiva alle prese con l’esplosione dei costi dell’energia e delle materie prime. L’intera filiera agroalimentare è sotto pressione a partire dall’agricoltura dove si registrano, infatti, aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio fino al +500% delle bollette per pompare l’acqua per l’irrigazione dei raccolti”.
Ma gli aumenti, continua la Coldiretti, riguardano anche l’alimentare, con il vetro che costa oltre il 50% in più rispetto allo scorso anno, il 15% il tetrapack, il 35% le etichette, il 45% il cartone, il 60% i barattoli di banda stagnata, fino ad arrivare al +70% per la plastica, secondo l’analisi Coldiretti.“Bisogna intervenire subito sui rincari dell’energia che mettono a rischio imprese e famiglie in settori vitali per il Paese” afferma il presidente Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “la filiera agroalimentare vale 575 miliardi di euro, quasi un quarto del Pil nazionale, e vede impegnati ben 4 milioni di lavoratori in 740.000 aziende agricole, 70.000 industrie alimentari, oltre 330.000 realtà della ristorazione e 230.000 punti vendita al dettaglio”.E se i tagli si sentono sulla spesa domestica, non va meglio nel fuori casa, che rappresenta 1/3 della spesa alimentare degli italiani, aggiunge la Coldiretti, commentando l’ennesimo allarme sulla tenuta della ristorazione lanciato da Fipe/Confcommercio. “La riduzione dell’attività - sostiene la Coldiretti - pesa, infatti sulla vendita di molti prodotti, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura che trovano in ristoranti e bar un importante mercato di sbocco. In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione - continua la Coldiretti - rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato ma ad essere stati più colpiti sono i prodotti di alta gamma dal vino ai salumi, dai formaggi fino ai tartufi”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli