02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
“MILANO DESIGN WEEK 2022”

La cena “zero waste”? Con ricette anti-spreco, servite in piatti prodotti dagli scarti alimentari

È la performance di ActionAid nel progetto Ue “Food Wave” guidato da Milano nella “Giornata Mondiale dell’Ambiente”. I “resti” sono ora una scultura

Un’esperienza culinaria e artistica 100% “zero waste” dal cibo al piatto, “servita” ai commensali in una cena con portate tutte vegetariane e senza spreco ideate dalle chef di AlTatto, nuovo ristorante con una squadra under 35 tutta al femminile, puntando sulla stagionalità e sui prodotti di territorio, seduti ad una tavola in cui il cibo si è trasformato in piatto nelle stoviglie fatte di materiali interamente prodotti da scarti alimentari grazie alla collaborazione dello Studio Traccia con realtà quali Ricehouse, Ottan, Highsociety Studio, Mixcycling, Superforma e Favini Paper, e che, assemblati insieme, hanno poi composto una scultura esposta al pubblico fino al 12 giugno. È la performance “Atti Fondamentali - Atto I, Food” promosso da ActionAid nel progetto “Food Wave” guidato dal Comune di Milano - e finanziato dalla Commissione Ue nel Programma Dear, che coinvolge 17 Paesi e mira a creare una nuova alleanza tra istituzioni, società civile e giovani per un futuro verde, inclusivo e sostenibile delle città - di scena nei giorni scorsi nella “Giornata Mondiale dell’Ambiente” al Base Milano nella “Milano Design Week 2022”.
L’evento ha aperto “We Will Design” n. 2, un laboratorio sperimentale con designer da tutto il mondo, scuole, università, istituzioni internazionali e giovani studenti per immaginare, attraverso il design, nuovi strumenti, pratiche ed esperienze come risposta alle tante contraddizioni del presente, ed ha visto protagonisti diversi creators come Florencia Abichain-Di Stefano (@florenciafacose), Francesca Noè (@ampilanopuoi), Melissa Forti (@melissaforti_official) e Marco Giarratana (@uomosenzatonno), e un gruppo di ragazzi e ragazze delle Scuole professionali Ciofs (salesiani) e Capac (alberghiero) di Milano, che già hanno preso parte alle attività formative legate al progetto “Food Wave”.
“Da anni portiamo avanti l’impegno di promuovere una coscienza collettiva tra i giovani rispetto all’intersezione tra questioni ambientali e sociali, oggi sempre più centrali nella nostra quotidianità e fondamentali per guidare un’effettiva transizione ecologica verso sistemi alimentari equi e sostenibili - ha spiegato Roberto Sensi, Food & Global Inequalities Expert ActionAid Italia - per questo abbiamo pensato ad un evento dove fosse protagonista il cibo, non solo come diritto fondamentale, ma anche come forma di cultura, relazione e scambio”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli