02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL LUTTO

La cucina italiana saluta Fabio Picchi, chef, uomo di cultura e custode della tradizione fiorentina

Si è spento a 67 anni il patron del celebre “Cibreo” e del Teatro del Sale. Divulgatore e scrittore, innamorato di Firenze e del mondo
CHEF, CIBREO, FABIO PICCHI, FIRENZE, Non Solo Vino
Lo chef Fabio Picchi, patron del celebre ristorante “Cibreo” di Firenze

Custode della tradizione fiorentina più antica, cristallizzata in un piatto a base di frattaglie come il “Cibreo”, che è diventato il nome del suo ristorante più celebre, ma capace anche di innovare con progetti come “Il Teatro del Sale”, creatore di progetti culturali come lAccademia Cibreo, imprenditore a tutto tondo, come racconta il successo della sua bottega “Cibio - Cibo buono italiano e onesto”, ma soprattutto, uomo di grande umanità e cultura, innamorato della sua Firenze e del mondo: la cucina italiana saluta Fabio Picchi, una delle sue eccellenze, che si è spento ieri, per una malattia aggravatasi improvvisamente, a soli 67 anni. Una personalità che ha saputo segnare la storia contemporanea della scena culinaria e culturale di Firenze.
“Fabio Picchi - spiega una nota biografica dello stesso chef - nasce fiorentino il 22 giugno 1954 aspirando immediatamente, per il labronico cognome, alla cittadinanza e natalità livornese. Irrequieto nel suo percorso scolastico, perseguitato da un perenne e perentorio: “il ragazzo è intelligente ma non si applica…”, trova nei cinema pomeridiani e nei teatri serali felice soddisfazione e profondo insegnamento. L’8 settembre 1979 Fabio Picchi inaugura “Cibreo”. Il nome del locale, che si trova a Firenze, riprende quello di un tipico piatto della cucina toscana, anzi fiorentina per la precisione, il Cibreo. Si innamora di tutto ciò che legge e vede. Passa dalla Facoltà di Lettere, per 5 minuti, e per 3 ore da Scienze Politiche. Trova lavoro nell’alba delle prime Radio e Televisioni libere fiorentine. Si rifugia per 6 minuti nella ditta paterna annunciando poi a tutta la famiglia che avrebbe aperto un ristorante. Dopo l’incontro con sua moglie, l’attrice Maria Cassi, nel 2003 fonda con lei a Firenze Il Teatro del Sale inaugurando una nuova stagione di condivisa creatività, che trova anche nella nascita del mensile l’Ambasciata Teatrale un ulteriore luogo d’incontro culturale con i tanti collaboratori e i tanti straordinari amici”.
Picchi era famoso anche per le sue apparizioni in tv. Su RaiTre ha partecipato alla trasmissione “Geo” dove parla di cibo. Saltuariamente è invitato anche come opinionista alle trasmissione di La7 “Piazzapulita” di Corrado Formigli e “Laria che tira” condotta da Myrta Merlino. Fabio Picchi ha scritto volumi di ricette e anche romanzi, pubblicati da editori rinomati come Mondadori Electa e Mondadori, tra cui “Passeggiate tra cibo e laica civiltà” (2015) e “Papale Papale” (pubblicato nel 2016)”.
“Con lui - ha detto rendendogli omaggio il Presidente della Regione, Toscana, Eugenio Giani - se ne va un pezzo di Firenze e di Toscana che si è fatta conoscere e apprezzare nel mondo per la sua creatività e genialità. Fabio Picchi è stato un ambasciatore del gusto e dei sapori della nostra Regione, capace di esaltare la semplicità e genuinità della nostra cucina e farne un veicolo di cultura: cultura enogastronomica ma anche cultura nel senso più ampio, in una tradizione intimamente toscana che sa mettere insieme arte, convivialità e piacere della tavola”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli