02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GASTRONOMIA ITALIANA

L’Alta Scuola Italiana di Gastronomia Luigi Veronelli verso l’estero, si presenta a Londra

Nata nel 2018 a Venezia e dedicata al grande Veronelli, l’Alta Scuola si prepara al via del nuovo corso di formazione dedicato al “Camminare le vigne”

Con il Regno Unito che attraversa un momento di incertezza a causa del caos Brexit, che ha buttato il Paese in una confusione economica, anche per quanto riguarda i rapporti commerciali, arriva un segnale, seppur piccolo, di resistenza di interesse dei britannici verso il vino e la cucina italiana. Lo conferma, la presentazione dell’Alta Scuola Italiana di Gastronomia Luigi Veronelli, realtà nata nel 2018 a Venezia, a Londra. Si tratta dell’esordio internazionale della scuola, intitolata alla memoria di Veronelli, grande pensatore e comunicatore della cucina italiana e dell’importanza della tutela della biodiversità agricola, e si pone sempre l’obiettivo di dare valore alle produzioni agroalimentari di qualità sviluppando, negli operatori e nei consumatori, consapevolezza del loro contenuto culturale. Seminario Veronelli e Fondazione Giorgio Cini sono fermamente convinti che, per condividere appieno la ricchezza dell’agricoltura e della gastronomia d’Italia, sia necessario connettere vini e cibi a un sistema di relazioni più vasto che include il nostro patrimonio artistico, storico e paesaggistico.
Il tutto, mentre l’Alta Scuola si prepara alla partenza del nuovo corso di formazione tutto dedicato all’enogastronomia,“Camminare le vigne: luoghi, persone e cultura del vino italiano”,
che vedrà mobilitata una faculty di oltre 35 docenti universitari, agronomi, enologi, filosofi, storici dell’arte, esponenti del mondo della cultura, giornalisti e critici. Il percorso formativo consentirà ai partecipanti di acquisire uno sguardo nuovo, profondo e consapevole sul settore vitivinicolo italiano e di sviluppare le competenze necessarie a comunicare e a promuovere un Paese che ha nella complessità e nella varietà i suoi tratti distintivi.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli