02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
UN SUCCESSO IMPRENDITORIALE

“Le Cesarine” portano sulle tavole di tutto il mondo i sapori autentici della cucina italiana

Dal ragù bianco di cortile alla marasca: il network di cuoche amatoriali lancia una linea di 50 prodotti introvabili nella grande distribuzione

Dopo due anni di grande crescita - nel 2019 hanno ospitato nelle case più di 10.000 clienti totalizzando vendite lorde pari a 1,2 milioni di euro, +225% sull’anno precedente - il business model de “Le Cesarine”, il network di 1.500 cuoche amatoriali che, da anni, accolgono nelle loro tavole ospiti in oltre 450 località italiane, è riuscito a adeguarsi alla recente crisi sanitaria e alle relative restrizioni al turismo, prima con lezioni di cucina online e dirette social (sono state oltre 10.000 le persone collegate da tutto il mondo, in particolare americani, canadesi e inglesi) e poi attirando investitori di alto livello e deliberando un’operazione di aumento di capitale in modalità di convertendo per un importo massimo di 3 milioni di euro.
Adesso, sull’onda di un successo travolgente, il progetto Cesarine.com muove un ulteriore passo lanciando una linea di prodotti e di sapori domestici autentici, quelli che, in una ristorazione italiana turistica sempre più standardizzata, non si trovano più: dalla cremosa cacio e pepe al ragù bianco di cortile, dal crostino toscano al friggione bolognese, dalla marasca allo zabaione di casa; 50 referenze (destinate ad aumentare), non presenti sugli scaffali della grande distribuzione, raggiungeranno prima l’Europa e poi le destinazioni oltreoceano.

L’idea della linea di prodotti “Le Cesarine” è nata come una risposta all’esigenza del turista straniero, costretto nei confini del proprio Paese, ma anche della clientela nazionale, che durante il lockdown ha riscoperto l’amore per la cucina e le tradizioni culinarie locali. Una linea di prodotti che promuove la dieta mediterranea come scelta alimentare e modello sano, salutare e sostenibile, privilegia i prodotti tipici dei territori e protegge l’ambiente combattendo lo spreco alimentare grazie ad un consumo responsabile di cibo fatto di prodotti di stagione e ricette di recupero.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli