02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL CONCORSO

L’occhio vuole la sua parte: ecco “Arte in cucina”, concorso fotografico by Accademia Italiana Chef

La ricerca del piatto gourmet da copertina, in onore di Masssimo Bottura: Giorgio Rosato, con la sua “Trilogia di Ricci di Mare”, è il migliore

Se ciò che conta, in cucina, è il gusto dei piatti, è certo che anche l’occhio voglia la sua parte: quella gastronomica è un’arte anche visiva, in cui la creazione di ricette ha tanto valore quanto l’accostamento di colore, la forma che il cibo assume, l’impiattamento originale e allettante. E l’essere fotogenico: la creatività in cucina è, infatti, anche “modella” di scatti artistici e da copertina, come quelli degli oltre 60 studenti iscritti e diplomati dei Corsi della Scuola di Cucina Accademia Italiana Chef, che hanno partecipato ad “Arte in cucina”, il concorso fotografico nazionale dell’Accademia Italiana Chef Roma, il n. 4 di una serie di concorsi nazionali di successo indetti negli ultimi mesi, che aveva un obiettivo ambizioso: realizzare piatti gourmet da copertina in onore allo chef per eccellenza, il maestro Massimo Bottura.
Ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio è stato lo chef Giorgio Rosato, con la sua “Trilogia di Ricci di Mare”,
molto complessa, sia dal punto di vista concettuale, che tecnico, un piatto dove la scienza, la semiotica e l’arte culinaria hanno dettato ogni passo di preparazione, per un risultato di assoluta eccellenza ed estetica. Secondo posto, per Letizia Borsani, studentessa del Corso di Pasticceria, il cui piatto è stato un vero inno al coraggio, alla forza e alla vita: “Delizia Multipla”, un dessert semifreddo multistrato. A seguire, Nelson De Rosso, che ha presentato un piatto fusion, dove le tecniche della cucina italiana e quelle della cucina brasiliana hanno trattato prodotti tipici dei due Paesi, sposandoli con estrema armonia e rispetto vicendevole delle proprietà organolettiche.
“Il Concorso - ha commentato il suo ideatore, lo chef Claudio Olivieri, docente delle sedi di Milano e Torino dell’Accademia Italiana Chef - nato con l’obiettivo di realizzare piatti gourmet da copertina, ideati, preparati e presentati in onore allo chef per eccellenza, il maestro Massimo Bottura, è stata una vera scommessa. Altissima è stata la qualità delle creazioni presentate dai nostri partecipanti, e una sfida anche per la Commissione che ha dovuto valutare con estrema attenzione ogni piatto per decretare i migliori“.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli