02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL PERSONAGGIO

“Non esiste più un primato italiano nella ristorazione”: la provocazione di chef Carlo Cracco

“La cucina è ormai diventata universale: segue il suo spirito, la contaminazione di culture. E noi italiani non dobbiamo più sederci sugli allori”
CARLO CRACCO, Non Solo Vino
Chef Carlo Cracco lancia la provocazione ai ristoratori italiani

“La cucina è ormai diventata universale, non esiste più un primato solo italiano”: è chiaro il pensiero dello chef Carlo Cracco, che forte dei suoi successi culinari, ultimo le “Tre Forchette” della guida del Gambero Rosso, lancia un vero e proprio appello alla ristorazione italiana: “Nel tempo la cucina si evolve da sola, non segue le persone ma il suo spirito che è la contaminazione di culture, sapori, esperienze. Noi della cucina italiana non sediamoci sugli allori. La cucina - ha sottolineato lo chef - arriva prima degli altri, perché è una sintesi della terra, del mare e della capacità di trasformare i loro frutti, ma bisogna guardare al futuro che può essere molto meno problematico se si rimane a mente aperta, pronti all’innovazione”.
E proprio come una macchina proiettata nel futuro, il ristorante deve rimanere, per Cracco “un luogo laico, creativo, un tempio della trasgressione. Noi chef - ha aggiunto - cerchiamo sempre di dare un tocco unico alla cucina, legato alle nostre caratteristiche. La mia “ricetta” ideale, quando mi propongo sui mercati esteri, è un mix di creatività e di italianità”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli