02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
HORECA

Ristorazione italiana, crisi senza fine: persi altri 11 miliardi di euro nel quarto trimestre 2020

Da ottobre a dicembre 2020 il fatturato è crollato (-44%), le perdite nell’anno solare salgono a 34,6 miliardi. Fipe: o riapriamo o andiamo in default
COVID, CRISI, PANDEMIA, RISTORAZIONE, Non Solo Vino
Ristorazione italiana, crisi senza fine: nel quarto trimestre 2020 persi altri 11 miliardi

C’è un chiaro motivo, dietro alla richiesta diffusa di una graduale riapertura dei ristoranti. Anzi, un dato preoccupante, quello che la Fipe-Confcommercio, la Federazione dei Pubblici Esercizi, considera “un abisso senza fine”: nel quarto trimestre 2020, la ristorazione italiana ha perso 11,1 miliardi di euro, chiudendo così con un -44,3% di fatturato (sullo stesso periodo 2019). Lo certifica l’Ufficio Studi di Fipe/Comfcommercio sui dati Istat diffusi oggi.

Un risultato determinato da quello che è stato, a tutti gli effetti, un secondo lockdown autunnale per il comparto della ristorazione che, complessivamente, lo scorso anno ha perso 34,6 miliardi di euro, -36,2% rispetto al periodo pre Covid.


“Siamo davanti - commenta la Fipe/Confcommercio - ad un abisso apparentemente senza fine: con fine marzo 2021 si chiuderà, con ogni probabilità il quinto trimestre consecutivo con segno negativo per un settore che rappresenta, più di ogni altro, l’italianità. Un settore che, oltre a dare lavoro direttamente a 1,3 milioni di persone, rappresenta il terminale essenziale della filiera agroalimentare. Numeri che richiedono almeno una graduale riapertura per evitare che l’intero settore vada in default”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli