02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PANDEMIA E FUTURO

Usa, c’è fiducia nella ripresa nel 2021 tra consumatori e trade. Anche per il vino “fuori casa”

Emerge da un sondaggio dell’agenzia specializzata “Wine Opinions”, che ha raccolto sentiment positivi, nonostante le grandi difficoltà
2021, CONSUMI, PANDEMIA, RIPRESA, USA, vino, WINE OPINIONS, Mondo
Usa, c’è fiducia nella ripresa nel 2021 tra consumatori e trade. Anche per il vino “fuori casa”

Nonostante le difficoltà evidenti e l’impatto della pandemia sul mercato del vino in Usa, dove, come nel resto del mondo, i consumi si sono spostati consumi dai ristoranti alle mura ci casa (tenendo in volume e tutto sommato anche in valore, con il vino italiano grande protagonista, come riportato nei giorni scorsi da WineNews), i consumatori, e soprattutto il trade, guarda al 2021 con un misto di speranza e ottimismo per una ripresa, soprattutto nel fuori casa. Con prospettive positive sulle condizioni economiche personali, fatto tutt’altro che trascurabile guardando ad un consumo di fatto edonistico e non essenziale come quello del vino.
È il sentiment che emerge da un sondaggio dell’agenzia specializzata “Wine Opinions”, focalizzato su quello che è il mercato n. 1 del vino nel mondo, ed il primo per le cantine italiane, con gli United States che da soli, storicamente, valgono quasi il 25% delle esportazioni tricolore.

Sul fronte dei consumatori, emerge un dato curioso: sono di più coloro che, nel 2020, nonostante tutto, hanno visto migliorare la loro condizione finanziaria personale rispetto al 2019 (23%) di chi invece ha visto un peggioramento (21%), mentre per il 53% le cose non sono cambiate poi molto. Dato decisamente inverso a quello del trade: il 36% di chi lavora nel business del vino ha visto un peggioramento della situazione, contro in 20% che ha registrato un miglioramento, mentre per il 40% le cose sono rimaste più o meno invariate. Ancora più positivo, nel complesso, il sentiment sul 2021: per il 36% dei consumatori e per il 42% del trade la condizione economica a fine anno sarà migliore di quella di desso, mentre le cose resteranno stabili per il 43% dei wine lover e per il 33% dei professionisti del vino, con solo il 6% di consumatori ed il 4% del trade che prevede un peggioramento.
Anche se, va detto, che una buona fetta di entrambe le categorie dice che è ancora troppo presto per fare previsioni. Ma l’aspetto forse più incoraggiante (e qui il dato è aggregato) è quello che riguarda le previsioni per le vendite “on-premise”, ossia per il consumo fuori casa, nel 2021. La maggioranza assoluta, il 53%, si aspetta un piccolo recupero sul 2020, il 7% pensa ad un ritorno quasi ai livelli del 2019, e un 5% si sbilancia prevedendo consumi anche superiore all’ultimo anno prima della pandemia. Ma c’è anche un 16% che prevede che le cose andranno male come nel 2020, ed un 19% che ancora non riesce ad immaginarsi cosa succederà in futuro.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli