02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
AGGREGAZIONI

Vino e acquisizioni, la maggioranza della trentina Orion Wines alla cooperativa Terre Cevico

I margini dell’“accordo di partnership” annunciato a novembre, definiti da una nota di Crédit Agricole Italia
ACQUISIZIONI, CRETID AGRICOLE ITALIA, ORION WINES, TERRE CEVICO, vino, Italia
Vino e acquisizioni, la maggioranza della trentina Orion Wines alla coop Terre Cevico

Operazione annunciata a novembre 2021 come “accordo di partnership”, ha visto, di fatto, il Consorzio Cooperativo Terre Cevico, tra le più importanti realtà della cooperazione vinicola italiana (con un fatturato di 164,3 milioni di euro nell’esercizio 2020/21, in crescita del 3,2% sull’esercizio precedente) acquisire la maggioranza di Orion Wines, azienda con sede in Trentino, a Lavis, che produce vini da tutte le più importanti Regioni d’Italia (fondata nel 2010 e capace di un fatturato da 30 milioni di euro). Si apprende da una nota ufficiale di banca Crédit Agricole Italia, che “ha erogato un finanziamento di 6 milioni di Euro con l’obiettivo di supportare l’acquisizione della maggioranza della Cantina Orion Wines Sarl da parte del Centro Vinicolo Cooperativo Terre Cevico”.
Una naturale evoluzione di una collaborazione decennale, quella tra la cantina trentina ed il gruppo romagnolo guidato da Marco Nannetti, che mette insieme 5.000 famiglie di viticoltori che coltivano 7.000 ettari di vigneto, e con 20 cantine, con il quartier generale in Emilia Romagna, a Lugo, a Ravenna (e che di recente è salita anche la 75% delle Cantine Montresor, in Valpolicella). Ed ennesimo segnale di un processo di concentrazione e aggregazione in atto da anni, e sempre più intenso, nel panorama del vino italiano.

Focus - Il comunicato di Credit Agricole
Crédit Agricole Italia ha erogato un finanziamento di 6 milioni di Euro con l’obiettivo di supportare l’acquisizione della maggioranza della Cantina Orion Wines Sarl da parte del Centro Vinicolo Cooperativo Terre Cevico. Terre Cevico, cooperativa fondata nel 1963 in collaborazione con i soci viticoltori sul territorio romagnolo, è oggi un Centro Vinicolo Cooperativo tra i più importanti del panorama nazionale. La Società, che opera non solo in Emilia-Romagna ma anche, con proprie cantine, in Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Umbria, offre altresì numerosi prodotti confezionati di eccellenza nei canali della Gdo ed Horeca, rivolto a 67 Paesi al mondo tra cui i più importanti sono Francia, Cina, Giappone, Regno Unito, Germania, Paesi Scandinavi, Stati Uniti e Sud Est Asiatico. Tramite il finanziamento erogato, Crédit Agricole Italia consentirà a Terre Cevico di incrementare la già variegata gamma di prodotti a disposizione dei clienti, includendo prestigiosi vini pugliesi ed espandendo la propria attività nella Regione. Non solo, l’operazione rinforza il sodalizio tra Crédit Agricole Italia e il Cevico, la cui cantina Montresor ha già siglato un accordo di pegno rotativo con il Gruppo Bancario. “Con questa operazione, Crédit Agricole Italia conferma forte sensibilità nei confronti dell’industria agroalimentare dove il comparto vinicolo, con produzioni di eccellenza ed elevati standard di sostenibilità, si rivela strategico per uno sviluppo economico inclusivo del Paese”, dichiara Marco Perocchi, Responsabile Direzione Banca d’Impresa di Crédit Agricole Italia. “Il Gruppo ambisce ad essere un partner di fiducia per tutte quelle imprese che, come Terre Cevico, desiderano rafforzare il loro percorso di crescita, sia sul mercato nazionale che internazionale; formule di finanziamento e programmi di filiera concepiti ad hoc sulla base delle esigenze di ogni società, hanno ricadute positive sui territori, a beneficio di intere comunità”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli