02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E AFFARI

Vino e vip, Angelina Jolie cede il suo 50% di Chateau Miraval al gruppo russo Stoli

Il nuovo “socio” di Brad Pitt è il gruppo che possiede già quote di minoranza di Masseto, Ornellaia, Luce e CastelGiocondo di Frescobaldi

Tra le avventure enoiche delle star dello spettacolo, una di quelle di maggior successo mediatico, di mercato e di critica, è stata quella della ex coppia d’oro di Hollywood tra Brad Pitt ed Angiolina Jolie, ovvero Chateau Miraval, ormai un punto di riferimento dei rosè di Provenza. Ma dopo il divorzio tra i due, come già riportato da WineNews, era nell’aria il disimpegno dalle vicende vinicole da parte della Jolie, che puntualmente è arrivato, visto che a comprare il 50% delle quote di Miraval ed il brand da Angelina Jolie è stata la Tenute del Mondo, sussidiara del gruppo russo Stoli. Lo stesso che possiede realtà vinicole come l’argentina Achaval Ferrer e la spagnola Arínzano, e che ha una quota di minoranza (intorno al 25%) nel gruppo Tenute di Toscana (controllato, in larghissima maggioranza, dalla famiglia Frescobaldi), che raggruppa cantine mito del vino italiano e mondiale, da Masseto ad Ornellaia a Bolgheri, a Luce a Montalcino. Riservate, naturalmente, le cifre dell’affare.
“Miraval completa la nostra offerta di vini”, ha commentato Jon Pepper, Master of Wine e managing director di Tenute del Mondo. “Con l’aggiunta di una rosè di questo calibro siamo ben posizionati per soddisfare le squisite richieste sia dei clienti che dei partner”. “Abbiamo a lungo ammirato gli eccezionali vini e il marchio Miraval. Siamo veramente onorati di fare la nostra parte per sostenerne l’integrità, così come di investire tempo e passione, tanto nello Chateau che nel marchio Miraval, e siamo entusiasti di essere al fianco di Brad Pitt”, ha commentato Damian McKinney, Global Ceo di Stoli Group, uno dei big del beverage mondiale, con marchi celeberrimi come la vodka Stolichnaya.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli