02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

12.900 TONNELLATE E’ IL TOTALE DI CATTURA AMMISSIBILE PER IL TONNO ROSSO DEL MEDITERRANEO NEL 2011: LO HA DECISO LA COMMISSIONE INTERNAZIONALE PER LA CONSERVAZIONE DEI TONNI DELL’ATLANTICO (ICCAT). IL MINISTRO GALAN: “DECISIONE POSITIVA”

Il totale ammissibile di cattura (Tac) per il tonno rosso del Mediterraneo nel 2011 sarà di 12.900 tonnellate: lo ha deciso da Parigi la Commissione internazionale per la conservazione dei tonni dell’Atlantico (Iccat). Una decisione, secondo il Ministro delle Poltiche Agricole Alimentari Forestali Giancarlo Galan, “pienamente in linea con gli obiettivi di recupero della specie indicati dal Comitato scientifico.

La decisione - aggiunge il Ministro - è coerente anche con gli obiettivi dell’Unione Europea. Essa ci permetterà di continuare il nostro impegno di riduzione della flotta a tutela del tonno rosso, e di garantire la sostenibilità di lungo periodo dell’attività di pesca”.

In particolare, per il tonno rosso l’intesa all’Iccat prevede una riduzione delle quota di pesca per la campagna 2011 di 600 tonnellate: la quota Ue passa da 13.500 tonnellate del 2010 a 12.900 per il prossimo anno. Il quantitativo sarà ripartito a dicembre tra gli Stati membri del Sud dell’Europa. Come previsto dal mandato che i 27 hanno dato alla Commissione Europea, l’accordo sul tonno rosso si allinea alle conclusioni scientifiche dell’Iccat concordate nel 2006: ossia ricreare lo stock ottimale e sostenibile di tonno rosso al 2022 con una possibilità di riuscita - non più del 60% come previsto inizialmente - ma sulla base di una percentuale superiore. Soluzione che, come previsto, ha avuto come conseguenza una lieve riduzione delle quote.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli