02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

A Bruxelles, Europa ed Usa discutono sul Ttip - Transatlantic Trade & Investment Partnership, e Assodistil chiede che le Indicazioni Geografiche vengano rispettate anche Oltreoceano e che l’export diventi più snello

“Il Partenariato è un’opportunità commerciale importante per entrambi i Paesi, ma gli Usa devono riconoscere e rispettare le nostre Indicazioni Geografiche”: è il messaggio che Daniele Nicolini, direttore di Assodistil, l’associazione italiana degli industriali distillatori, ha lanciato a Bruxelles, nella giornata di consultazione con gli stakeholders organizzata dalla Commissione Europea, nel sesto round del negoziato sul Ttip - Transatlantic Trade and Investment Partnership, l’accordo commerciale, attualmente in corso di definizione tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti, che ha l’obiettivo di rimuovere le barriere commerciali in una vasta gamma di settori economici, facilitando così gli scambi di beni e servizi tra Europa e Stati Uniti.
“Assodistil - spiega Nicolini - è stata convocata per dare voce alle istanze del settore. Sul tavolo c’è la questione, delicatissima, delle Indicazioni Geografiche, di cui la Grappa è il simbolo italiano per eccellenza”. Gli Usa, infatti, non riconoscono le Ig ed è sempre più frequente trovare produttori statunitensi che utilizzano il nome “Grappa” per indicare acquavite di vinaccia prodotta sui loro territori, giocando però sulla presunta italianità del prodotto, peraltro ben lontano dall’originale. Per il diritto europeo, si tratterebbe di veri e propri prodotti contraffatti. Altra questione affrontata dall’Associazione dei distillatori riguarda la necessità di snellimento delle procedure di export.
“Per poter immettere sul mercato Usa i nostri distillati - continua Nicolini - è necessaria una comunicazione preventiva sulla composizione del prodotto ed un’approvazione delle etichette. Ciò comporta un aggravio di costi per i produttori ed allunga spaventosamente i tempi per l’esportazione, che possono arrivare fino a 12-18 mesi. Ci sono, poi, moltissime norme tecniche che andrebbero semplificate e razionalizzate”.
L’accordo di partenariato, conclude il direttore di Assodistil, “è una grande opportunità per le nostre produzioni, che con la semplificazione delle procedure e l’eliminazione delle barriere commerciali, potranno penetrare un mercato importante come quello statunitense. A patto, però, che le nostre Ig vengano riconosciute e rispettate, poiché solo in questo modo si tutela davvero il valore unico delle nostre produzioni. Non è solo una questione di natura economica: si tratta soprattutto di una battaglia culturale che l’Associazione non smetterà mai di combattere”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli