02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SOLIDARIETÀ

A Dino Impagliazzo, lo “chef dei poveri”, l’Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana

È tra i 32 cittadini premiati dal Presidente Sergio Mattarella, ogni giorno sfama 300 poveri con il cibo donato da commercianti e supermercati

Dino Impagliazzo, 89 anni, noto a Roma come “lo chef dei poveri”, che da più di 10 anni sfama più di 300 senzatetto al giorno nella Capitale, è tra i 32 cittadini che si sono distinti per l’impegno nella società civile, insigniti dell’Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dino Impagliazzo, grazie a donazioni di cibo da parte di commercianti, supermercati di cibo in eccedenza o in prossima scadenza, prepara da mangiare e serve più di 300 pasti al giorno a senza fissa dimora di diverse zone di Roma. Ma oltre a sfamare poveri e senzatetto, fra le stazioni di Roma Tuscolana, Ostiense e nel colonnato di San Pietro, Dino è stato da sempre impegnato in progetti sociali per aiutare il prossimo, e nel 2018 ha ricevuto il prestigioso “Premio Internazionale Cartagine 2.0” nella sezione Solidarietà destinato a coloro che hanno contribuito in Italia e all’estero alla diffusione della cultura e del sapere in diversi settori.
“Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trentadue onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nel soccorso, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità, per le attività in favore della coesione sociale, dell’integrazione, della ricerca e della tutela dell’ambiente. Il Capo di Stato - comunica il Quirinale - ha individuato, tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani”.
Nel 2016 lo chef dei poveri aveva invece incontrato Papa Francesco, salutandolo da parte di tutti i barboni di Roma e invitandolo a servire la mensa dei poveri organizzata giornalmente da Dino e i volontari dell’Associazione RomAmor Onlus della quale Dino è presidente, mentre qualche mese fa ha destato grande ilarità l’incontro con Chef Rubio, personaggio televisivo da sempre impegnato socialmente. “Con lo scarto si fanno cose grandissime - ha spiegato Giovanni Impagliazzo, membro della Comunità di Sant’Egidio e figlio di Dino in occasione dell’incontro con Chef Rubio - con quello alimentare, di locali, come lo “scarto di persone” che in realtà sono un enorme valore, come nel caso di Dino, per tutto quello che porta avanti”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli