02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECCELLENZE MADE IN ITALY

Aceto Balsamico di Modena Igp, il valore al consumo supera 1 miliardo di euro (il 92% all’export)

I dati del Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena, che annuncia la conferma di Csqa come ente di certificazione
ACETO BALSAMICO DI MODENA IGP, CSQA, MADE IN ITALY, VALORE, Non Solo Vino
Le botti ed i caratelli in cui nasce l’Aceto Balsamico di Modena

L’Aceto Balsamico di Modena Igp è uno dei gioielli del made in Italy alimentare. Un perla che, con 100 milioni litri di produzione certificata, è capace di generare 400 milioni di euro di valore alla produzione, tradotti in 1 miliardo euro di valore al consumo, grazie anche all’export, che vale il 92% del totale. Dati annunciati dal Consorzio di tutela Aceto Balsamico di Modena, nel comunicare la conferma, come ente di controllo, del Csqa (uno dei più importanti in Italia, che ha in portafoglio 71 indicazioni geografiche del Belpaese). Una conferma che arriva in un momento d’oro per l’Aceto Balsamico di Modena Igp, che vede cresce l’apprezzamento del prodotto invecchiato, che, dal 2014 al 2021, è arrivato ad una produzione di oltre 5,2 milioni di litri (+ 33% solo sul 2020). Numeri record per uno dei grandi prodotti dal prestigio internazionale della food valley dell’Emilia-Romagna, Regione che vanta 44 prodotti agroalimentari Dop e Igp, e genera un valore economico pari a 2.779 milioni di euro ponendosi al primo posto tra le regioni italiane per impatto economico del food ad Indicazione Geografica (Dati Rapporto Ismea-Qualivita 2021). E che vede partire una collaborazione sempre più stretta tra Consorzio e Csqa, per sviluppare anche progetti innovativi orientanti al miglioramento delle attività istituzionali e a un maggior coinvolgimento del consumatore.
“La collaborazione dei due enti ha reso possibile l’avvio del progetto relativo al Passaporto Digitale dell’Aceto Balsamico di Modena - afferma il direttore del Consorzio, Federico Desimoni - un programma innovativo e pionieristico nel campo della tracciabilità, sicurezza alimentare, legalità e trasparenza che approderà sul mercato nei prossimi mesi e che anticipa le politiche comunitarie in materia di passaporto digitale dei prodotti recentemente annunciato dalla Commissione Europea.”
“Siamo orgogliosi che un’eccellenza del made in Italy - ha sottolineato Pietro Bonato, dg e ad Csqa - come l’Aceto Balsamico di Modena Igp confermi Csqa nei controlli: questo a dimostrazione di un importante lavoro sul fronte dei controlli, volti alla garanzia e tutela di un prodotto storico e simbolo dell’Italia. La quota export raggiunta del 92% è a dimostrazione dello straordinario valore e riconoscibilità raggiunti sui mercati internazionali e l’apprezzamento da parte dei consumatori. L’Aceto Balsamico di Modena Igp è stato la prima tra le grandi Indicazioni Geografiche italiane ad avviare la sperimentazione del Passaporto Digitale, il sistema di tracciabilità agroalimentare realizzato in collaborazione con il Poligrafico dello Stato, Csqa e Fondazione Qualivita, la cui realizzazione è la conferma dell’impegno sul fronte dell’innovazione per i prodotti a denominazione di origine”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli