02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA MANOVRA

Agricoltura e finanziaria del Governo gialloverde tra luci e ombre nell’analisi di Coldiretti

Bene incentivi per biogas e l’estensione della vendita diretta di prodotti agricoli, ma mancano investimenti e sgravi per i giovani
Coldiretti, GOVERNO, MANOVRA, Non Solo Vino
Agricoltura e finanziaria, tra luci e ombre, nell’analisi della Coldiretti

La discussa manovra finanziaria del Governo 5 Stelle-Lega, coinvolge, ovviamente, anche l’agricoltura. E la prima organizzazione agricola a farne una disamina, tra aspetti positivi e altri da rivedere, è la Coldiretti. Che sottolinea come “dagli incentivi per impianti di biogas realizzati dagli agricoltori alla proroga del bonus verde per i giardini, dalla valorizzazione della vendita diretta dei prodotti agricoli fino all’equiparazione sul piano del trattamento fiscale tra familiari che coadiuvano il coltivatore diretto e titolari dell’impresa coltivatrice diretta, abbiamo ottenuto importanti risultati per le campagne italiane”. A dirlo il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini nel commentare alcuni dei contenuti della manovra per l’agricoltura “fortemente sostenuti dall’Organizzazione, anche grazie alla proficua collaborazione con i gruppi parlamentari del Senato della Lega, del Movimento 5 stelle e di Forza Italia”.
“Sono stati infatti estesi - sottolinea la Coldiretti - gli incentivi per la produzione di energia elettrica agli impianti alimentati a biogas di potenza fino a 300 kW con il requisito che siano realizzati da imprenditori agricoli e che vengano alimentati per l’80% da reflui o comunque scarti che derivano dalle aziende agricole e per il 20% da colture di secondo raccolto. Sarà riconosciuto anche un bonus per la rimozione e il recupero degli alberi caduti in occasione delle calamità atmosferiche dello scorso autunno. Lo stanziamento per il “voucher” è di 3 milioni per il 2019 ed è finalizzato a coprire il 50% delle spese sostenute”.
Ancora, secondo l’organizzazione agricola, “viene valorizzato il rapporto diretto tra imprenditori agricoli e consumatori prevedendo che gli imprenditori agricoli potranno vendere al dettaglio, oltre che in misura prevalente i prodotti di produzione aziendale, soltanto prodotti agricoli e alimentari acquistati direttamente da altri imprenditori agricoli, garantendo così i consumatori circa l’origine dei prodotti acquistati”.
C’è anche la proroga del “bonus verde” che prevede la detrazione del 19% per le spese di investimento in verde (dalla realizzazione di giardini e impianti di irrigazioni alla sistemazione delle aree scoperte degli edifici privati), che piace a Coldiretti, così come “la riduzione dell’accisa sulla birra da 3 euro a 2,99 euro per ettolitro e grado-plato, e la previsione per i birrifici artigianali di minore dimensione (produzione annua non superiore a 10.000 ettolitri) di poter considerare accertato il prodotto finito a conclusione e non a monte delle operazioni, nonché riduzione del 40% dell’aliquota dell’accisa ordinaria. Un settore in crescita quello delle birre artigianali che oltre a contribuire all’economia, assicura, precisa la Coldiretti, anche una forte spinta all’occupazione soprattutto tra gli under 35 spesso grazie ad un legame diretto con l’attività agricola di produzione dei cereali utilizzati nella preparazione della birra”.
Ancora, un altro importante risultato è la proroga al 1 gennaio del 2020 dell’entrata in vigore del sistema Uniemens, il nuovo sistema di gestione delle deleghe per le aziende agricole con dipendenti che adottano il Dmag (Denuncia della Manodopera Agricola) che prevede l’invio mensile delle denunce retributive e contributive degli operai agricoli che invece con il Dmag è trimestrale.
“Ci sono tuttavia preoccupazioni per la mancata previsione di interventi indispensabili per il sostegno alla competitività delle imprese, all’occupazione e all’ambiente - continua Prandini nel denunciare - l’assenza nella legge di stabilità delle misure necessarie a garantire adeguate risorse al Fondo di Solidarietà Nazionale per far fronte alle pesanti calamità che hanno colpito importanti Regioni del Paese a partire dalla Puglia con un drammatico calo della produzione di olio. Ma si registra negativamente anche - continua Prandini - la mancata defiscalizzazione dell’Iva in manovra per tutto il comparto zootecnico nelle aree montane al fine di favorire il presidio del territorio e prevenire il dissesto idrogeologico dopo gli ultimi eventi calamitosi. Non è stata prevista poi la proroga degli sgravi contributivi per i nuovi imprenditori agricoli under 40, mettendo a rischio il ricambio generazionale. Una carenza grave che va al più presto superata in un momento in cui l’agricoltura può offrire grandi opportunità per l’occupazione e la crescita economica del Paese”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli