02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ansa

Vino: arriva “garage sale”, come vendere bottiglie in casa ... Come liberare gli scaffali troppo pieni della cantina per poter accogliere nuovi acquisti? Semplice: con il “garage sale” del vino, cioé con la vendita di bottiglie... nel giardino di casa.
E’ questa una nuova moda che si sta diffondendo tra gli appassionati del vino in Italia. La nuova tendenza, anticipata da Winenews, si ispira alle tradizionali svendite “casalinghe” made in Usa: il sabato o la domenica mattina, in ogni cittadina americana che si rispetti, molte famiglie svuotano il garage o la soffitta e vendono la propria merce esponendola nel prato davanti casa. Girovagando tra le tante svendite, con pazienza e curiosità, è possibile imbattersi in veri e propri “tesori”, insoliti oggetti di modernariato o antiquariato.

Per il vino vige la stessa regola: c’é chi potrebbe essere interessato a certe etichette acquistate in quantità massicce e ormai hanno annoiato, oppure chi possiede una bottiglia che fa gola ed è disposto a scambiarla con una a cui si può rinunciare volentieri. Perché nelle “garage sales” del vino, che stanno prendendo piede in una nicchia ristretta di appassionati, vige una sola semplice regola: le bottiglie possono essere scambiate, acquistate, cedute all’unica condizione che la transazione metta d’accordo amichevolmente le due parti, senza troppo fissarsi sui prezzi ufficiali o di listino. Il valore attribuito può essere semplicemente affettivo.
Così è possibile cedere una bottiglia prestigiosa in cambio di una meno costosa, solo per una predilezione personale per quella cantina. La “garage sale” del vino si può fare in giardino, ma anche dentro casa. Basta contattare una ‘mailing’ di amici e conoscenti appassionati di vino, oppure avvisarli con un sms, ed il gioco è fatto. Ognuno può portare le proprie bottiglie da scambiare, oppure arrivare a mani vuote in cerca della grande occasione, quell’etichetta da sempre agognata e mai trovata.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli