02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ansa

Vino: sondaggio, cresce “appeal” territori spumanti italiani ... Franciacorta, Conegliano e Valdobbiadene: luoghi di produzione di spumanti di qualità con appeal paragonabile a quello dei territori dei grandi rossi italiani. A sostenerlo sono gli enoappassionati italiani, disposti a spendere in media per un weekend all’insegna del buon bere da 200 a 250 euro, senza rinunciare all’acquisto di almeno tre bottiglie per una somma da 30 a 50 euro. E’ questo il quadro di sintesi che emerge dal sondaggio lanciato da www.winenews.it insieme a Vinitaly con tema “l’enoturismo e i terroir a vocazione spumantistica”, indirizzato a 18.000 “enonauti”, ovvero amanti del vino educati al buon bere, che navigano e si informano su Internet.
Si tratta di una analisi che definisce i contorni di uno scenario in cui le bollicine italiane sono ormai percepite alla stregua dei grandi vini di territorio, di cui è necessario non solo assaggiare le bottiglie disponibili sugli scaffali delle enoteche e delle bottiglierie, ma anche visitare luoghi di produzione, vigneti e cantine per comprenderne fino in fondo lo spessore.
Ecco allora gli enoturisti indicare con sicurezza i territori a vocazione spumantistica più ambiti: Franciacorta (54%), seguita da Conegliano - Valdobbiadene (35%), Trentino (7%), e, al quarto posto, Asti (4%). Per il 72% degli amanti del buon bere la bellezza del paesaggio influisce perfino sulla percezione della qualità di uno spumante, ma i territori di produzione delle bollicine sono scelti anche per una serie di altri elementi, a cominciare dalla presenza di una buona ristorazione (20%), dal fascino delle cantine storiche (18%), dalla possibilità di godere della natura in pieno relax (15%), dalla presenza di prodotti tipici (14%), dalle attrattive storico-culturali (10%), dagli eventi e le manifestazioni che vi si svolgono (9%), dalla presenza di hotellerie e wellness (6%), e da quella di cantine firmate da grandi architetti (5%) e, infine, dall’artigianato locale (3%).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli