02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Apcom

Abramovic compra a Montalcino? Le griffe smentiscono. Castello Banfi non vende e vuole invece aprire lussuoso hotel ... Roman Abramovich, magnate del petrolio
russo e patron del Chelsea vuole comprare un'azienda vitivinicola a Montalcino? La notizia che la rivista "Ville & Casali" pubblicherà nel prossimo numero di gennaio 2006 (e già puntualmente ripresi da quotidiani locali), non trova conferma - secondo quanto riporta oggi il sito specializzato Winenews - presso le aziende Castello Banfi, Argiano, Col d'Orcia e Il Poggione che sarebbero destinatarie delle proposte d'acquisto di Abramovich.

Contattati da Winenews, i vertici aziendali hanno smentito
l'esistenza di qualsiasi trattativa in corso e ribadito che le
tenute "non sono certo in vendita". I perché? Sono semplici:
notorietà, immagine, successo commerciale e contesto ambientale unico, gioielli di famiglia da tramandare alle generazioni future.

Questo non vuol dire - afferma Alessandro Regoli, responsabile di Winenews - che, come già successo qualche anno fa, anche a Montalcino qualche piccola azienda non sia in vendita.

Niente da fare, invece, per le grandi griffe, a quanto pare. In
proposito sul sito viene anche pubblicata una precisazione della famiglia Mariani (Castello Banfi): "Non in vendita, grazie! Anzi investiamo ancora in turismo di altissimo livello. Riceviamo frequentemente offerte di investimento o di acquisto per la Castello Banfi e abbiamo sempre gentilmente declinato queste proposte. A riprova del nostro crescente impegno in azienda abbiamo appena avviato una fase di importanti investimenti, con al centro la realizzazione del nostro progetto di accoglienza "Il Borgo di Castello Banfi". Un lussuoso hotel creato all'interno del borgo settecentesco che circonda il Castello e la cui apertura è prevista per la primavera del 2006".

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli