02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BIENNALE

Applausi, lacrime, ovazioni e … vino in Laguna al Festival del Cinema di Venezia n. 78

Vini Fantini alla Hollywood Celebrities Lounge, Villa Bogdano 1880 partner del Filming Italy Award, e sullo schermo arriva il documentario di DonPasta

Prima l’anteprima del film di Pedro Almodovàr, “Madres Paralelas”, con la musa del regista spagnolo Penelope Cruz, quindi quella dell’opera di Paolo Sorrentino, “La Mano de Dios”, film autobiografico e struggente, in mezzo il Leone d’Oro alla carriera a Roberto Benigni, che ha illuminato la platea con la dolcezza delle parole dedicate alla moglie, l’attrice Nicoletta Braschi: i primi giorni della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica n. 78 organizzata dalla Biennale di Venezia sono scivolati via così, tra red carpet blindati (causa norme anti Covid-19) e momenti di riposo e relax alla “Hollywood Celebrities Lounge”, location meta di attori, registi e addetti ai lavori, in Lungomare Guglielmo Marconi, con le etichette di Vini Fantini, il gruppo guidato da Valentino Sciotti, dalle radici abruzzesi ma dall’enorme propensione all’export. Che, dopo il successo dello scorso anno, torna in Laguna con due nuove creazioni: il Calalenta Rosé, un 100% Merlot abruzzese, ed il Calalenta Pecorino Terre di Chieti.

Il binomio tra la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica ed il vino, però, non si esaurisce qui, perché Villa Bogdano 1880, griffe del Prosecco e del Lison, è partner del “Filming Italy Best Movie Award”, il riconoscimento che verrà assegnato il 5 settembre ai titoli e alle serie Tv italiane ed internazionali e ai migliori talent - oltre che all’industry e professional - dell’ultima stagione cinematografica, dedicato a tutte le donne che lavorano nell’industria cinematografica, davanti e dietro la macchina da presa. Ad annunciare i premiati dell’edizione 2021, scelti da un’importante giuria composta da diversi esponenti tra le eccellenze della cinematografia italiana, Tiziana Rocca, direttore generale Filming Italy Award, e Vito Sinopoli, presidente onorario del Premio, nella cornice dell’Hotel Excelsior Lido di Venezia.

Restando in tema vino, nei giorni della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica Comte de Montaigne, maison di Champagne dell’Aube, in collaborazione con The Gritti Palace, tra gli alberghi più belli ed esclusivi al mondo, metterà all’asta una Mathusalem (6 litri, ndr) di Brut Grand Réserve che verrà autografata dalle star che animeranno il Lido nei giorni del Festival, con i proventi che verranno devoluti all’Associazione Caf - Centro di Aiuto ai Minori e alla Famiglia in Crisi. A proposito di crisi, e di impegno sociale, tornando allo schermo, più che al contorno, alle Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia verrà presentato anche “Naviganti”, il documentario di Daniele De Michele, in arte “DonPasta”, dj, economista e cuoco, definito dal “New York Times” un “attivista del cibo”, in cui racconta il senso di smarrimento e abbandono di un’intera categoria, quella degli artisti, nei mesi del lockdown, attraverso la propria storia che si intreccia con quelle di del musicista Daniele Sepe, del contadino-poeta Modesto Silvestri e dell’illustratrice Giulia Bonaldi.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli