02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ASSE ITALIA-FRANCIA PER PRODUZIONI DI ALTA QUALITA’ ED ETICHETTATURA DI ORIGINE AL CONSIGLIO DEI MINISTRI DELL’AGRICOLTURA UE. FOCUS: E COLDIRETTI SI ALLEA CON LA FÉDÉRATION NATIONALE DES SYNDICATS D’EXPLOITANTS AGRICOLES PER PAC ED ETICHETTATURA

L’Italia ha un alleato importante nel negoziato per introdurre in Europa la programmazione della produzione di alta qualità: come la delegazione italiana anche quella francese - intervenendo oggi al Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura dell’Ue - si è rammaricata della mancanza di una misura sull’adattamento dei volume di produzione, nella proposta della Commissione Ue sul rafforzamento della politica di qualità alimentare in Europa. Una posizione importante quella assunta da Parigi in quanto la delegazione italiana, già al momento del dibattito sul “pacchetto latte” per rafforzare la posizione contrattuale dei produttori lattiero-caseari nella catena alimentare, aveva chiesto espressamente di dare la possibilità alle organizzazioni di produttori di programmare la produzione dei formaggi a denominazione d’origine protetta (Dop). E intervenendo sulle proposte per rafforzare la politica di qualità nell’Ue, la delegazione italiana ha anche esortato la Commissione Europea a fare un ulteriore sforzo per rafforzare la protezione “ex-Ufficio” (in caso di contenzioso per la mancata tutela di una Dop o Igp in un altro Stato), concetto che Bruxelles ha già inserito nella proposta.
Roma e Parigi inoltre, condividono le grandi linee d’approccio negoziale su un altro punto essenziale per l’Italia: ossia l’etichettatura d’origine. L’Italia infatti, ha ribadito ai partner europei e alla Commissione Ue l’importanza di introdurre l’etichetta d’origine: un elemento di grande trasparenza non solo per il produttore ma anche per il consumatore. Quanto alla delegazione francese, ha indicato che bisognerebbe andare oltre in materia di etichettatura d’origine rispetto all’accordo politico, già raggiunto nei giorni scorsi dai Ministri della Salute dell’Ue, soprattutto per il settore lattiero caseario. Posizione condivisa anche dalla Grecia. L’Olanda, al contrario, si è espressa nettamente contro portando come esempio una latteria olandese che utilizza per la propria produzione latte proveniente da cinque Stati membri. Il dibattito al Consiglio Ue riprenderà il prossimo anno sotto presidenza ungherese dell’Ue.

Focus - E Coldiretti si allea con la Fédération Nationale des Syndicats d’Exploitants Agricoles per Pac ed Etichettatura
Un accordo sulla riforma della Politica Agricola Comune (Pac) e sulla necessità di indicare in etichetta l’origine della materia prima agricola come richiesto dalla maggioranza dei cittadini europei. Lo prevede la dichiarazione comune sottoscritta al termine del colloquio bilaterale a Roma tra il presidente della Coldiretti, Sergio Marini e il presidente della Fédération Nationale des Syndicats d’Exploitants Agricoles (Fnsea), Jean-Michel Lemétayer, che sono alla guida delle due organizzazioni agricole dell’Unione.
Di fronte alle incertezze delle Istituzioni europee, nell’accordo in dieci punti tra i rappresentanti delle agricolture leader nella qualità a livello internazionale si chiede tra l’altro che a livello comunitario, siano previste norme che prevedano l’indicazione obbligatoria, per tutti gli alimenti, del paese di origine o del luogo di provenienza dei prodotti agricoli, al fine di garantire la massima trasparenza lungo tutta la filiera agro-alimentare e per rispondere ad una forte domanda dei cittadini consumatori.
Coldiretti ed Fnsea per la riforma del 2013 richiedono una dotazione finanziaria della Politica Agricola Comune (Pac) allo stesso livello del periodo di finanziamento in essere e che sia mantenuta l’attuale distribuzione tra Stati membri. Una eventuale diversa ripartizione delle risorse della Pac tra Paesi dovrà essere basata su una serie di parametri obiettivi. Deve essere valorizzato il ruolo economico degli agricoltori come produttori di cibo e non di “commodities”, la produzione di beni pubblici da parte degli agricoltori che il mercato non remunera e, questo, per mantenere un’agricoltura sostenibile sotto il profilo sociale e ambientale.
I principali elementi della Pac sono rappresentati, nel primo pilastro, dall’orientamento al mercato, una rete di sicurezza per i mercati e pagamenti diretti disaccoppiati, mentre nell’ambito del secondo pilastro, sostengono Sergio Marini e Jean-Michel Lemétayer, vanno collocate le misure di carattere strutturale e a programmazione pluriannuale per la modernizzazione e la competitività delle imprese agricole. E’ questa la struttura di base che si ritiene seguire, in modo coerente, anche nel futuro. Per il periodo post 2013 la finalità più importante sarà quella di armonizzare, con un adeguato periodo transitorio, gli strumenti per la distribuzione dei pagamenti diretti. Tutti i produttori e l’insieme dei settori produttivi devono essere ugualmente considerati dalla Pac. Il sistema dei “riferimenti storici”, per calcolare gli aiuti diretti delle singole aziende, dovrà essere sostituito con un sistema basato su una serie di parametri obiettivi.
Bisognerà garantire un’adeguata competitività dell`agricoltura europea ed aumentare il potere contrattuale degli agricoltori e questo si raggiunge, sostengono Coldiretti e Fnsea, con il sistema degli aiuti diretti nel primo pilastro, una rete di sicurezza efficace sui mercati anche per contrastare la volatilità dei prezzi, strumenti di assicurazione del reddito e anche attraverso il sostegno della gestione degli agricoltori di filiere territoriali corte, trasparenti e a basso impatto ambientale. Una combinazione degli strumenti di politica agricola con un nuovo sistema di prevenzione del rischio sono le condizioni necessarie per affrontare le sfide del mercato globale, fra cui quella del cambiamento climatico. Già nel passato l`agricoltura ha contribuito alla riduzione dell`emissione dei gas a effetto serra, molto di più degli altri settori. In ogni caso l`agricoltura è pronta per intraprendere altri sforzi e, allo scopo, il secondo pilastro, concludono Coldiretti ed Fnsea, deve prevedere nuove misure e avere una sufficiente dotazione finanziaria.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli