02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CULTURA DEL BERE

Bere consapevole, il patto tra Museo dell’Arte del Vino e della Vite e Cattedra Unesco di Napoli

Promuovere la cultura del vino e prevenire l’alcolismo giovanile

Diffondere la “cultura del vino” e il “bere consapevole” tra i giovani per prevenire la piaga dell’alcolismo giovanile e creare un punto d’incontro dove rendere possibile il dialogo tra studenti, genitori e medici. Ecco gli obiettivi alla base del patto tra il Museo dell’Arte del Vino e della Vite (Mavv Wine Art Museum) e la Cattedra Unesco sull’educazione alla salute e allo sviluppo sostenibile dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Un protocollo di intesa per “tutelare la salute dei cittadini e valorizzare un patrimonio bimillenario della nostra storia”, spiega Annamaria Colao, coordinatore della Cattedra Unesco.
Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’alcool è la prima causa di morte tra giovani europei tra i 15 e i 19 anni, per incidenti automobilistici, avvelenamenti, suicidi e omicidi. In Italia, ogni anno, su 170.000 incidenti stradali 50.000 sono attribuiti all’elevato tasso alcolemico presente nell’organismo, mentre circa la metà dei 6.000 morti riguarda minorenni. Sono gli alcolici, inoltre, la principale causa di cirrosi epatica nel Belpaese
.

“Dobbiamo coniugare l’educazione alla salute con la consapevolezza dei danni provocati dall’alcool. In tal senso la conoscenza, come sempre è la strada migliore”, continua Annamaria Colao, mentre Eugenio Gervasio, direttore del Maav, sottolinea come il Museo voglia “far conoscere il mondo del vino come patrimonio artistico, culturale, scientifico e storico del territorio, dedicando la sua attenzione, in particolare, ai giovani e al mondo della scuola. Troppo gravi i fenomeni di alcolismo che si ripetono oggi fra i ragazzi per non affrontare il problema in maniera forte e diretta”. L’iniziativa si inserisce anche nel solco dell’attenzione che il Governo Conte intende riservare alle scuole, “per alimentare la cultura del vino, invitando alla modica quantità”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli