02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

CHILI DI TROPPO DOPO LE FESTE? IL RIMEDIO SONO 30 SECONDI DI SPORT 3 VOLTE AL DÌ, UNA DIETA ATTENTA E “TAGLI” AI DRINK: È IL NUOVO REGIME DI FITNESS “VELOCE” MADE IN UK CONSIGLIATO DAGLI ESPERTI E PUBBLICATO SUL “JOURNAL OF CLINICAL PSYCHOLOGY”

Archiviati i bagordi di Capodanno e in attesa dell’Epifania, c’è già chi progetta, complici i buoni propositi per il 2013, un vero e proprio “piano di guerra” per perdere i chili di troppo accumulati nelle festività. E se il senso di colpa vi attanaglia, ma vi spaventa la fatica da fare per smaltire c’è una buona notizia: gli scienziati delle università di Nottingham, Birmingham e Bath (Gran Bretagna) sostengono che non c’è bisogno di spendere ore e ore ogni settimana in palestra o a fare jogging in un parco, ma propongono un pionieristico regime di fitness “veloce”, pubblicato sul “Journal of Clinical Psychology” (solo 30 secondi di esercizio fisico molto intenso da ripetere per 3 volte al giorno, almeno due volte a settimana), e per la dieta, restrizioni sul cibo e “tagli” ai drink.

Se solo 1 persona su 5 mantiene le promesse fatte allo scoccare della Mezzanotte, in questo modo potrebbero aumentare i successi nella lotta ai chili di troppo “targati” Natale 2012. In tutto 3 minuti di vero e proprio sprint ogni 7 giorni che, assicurano gli studiosi, possono generare benefici concreti per la salute e la perdita di peso tanto desiderata, esattamente e anche di più in confronto all’attività fisica “convenzionale”. Gli esperti assicurano che il segreto “fit” per il 2013 è quello di impegnarsi in tre brevi sessioni di esercizio molto intenso di 30 secondi ciascuno, anticipati da un breve riscaldamento, con brevi periodi di riposo, pari a meno di cinque minuti. Uno sforzo limitato, quindi, che è possibile fare aiutandosi con la ciclette, il vogatore, il tapis roulant o semplicemente le scale di casa. Il metodo è stato testato su 300 volontari e ne è stata dimostrata l’efficacia. Occhio, poi, alla dieta, occorre tenere presente che la restrizione alimentare non può riguardare solo il cibo “solido”: un alcolico regala, infatti, 200 calorie in media ed è necessario apportare dei “tagli”, dunque, anche ai drink. Lo sottolinea il World Cancer Research Fund che fornisce anche qualche esempio concreto per rendere l’idea: una pinta di birra contiene circa 255 calorie - le stesse di una barretta di cioccolato - mentre un bicchiere grande di vino bianco (250 ml) ne ha 200.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli