02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PESTE SUINA

Coldiretti: intervenire per il contenimento della popolazione dei cinghiali, diventati un pericolo

Il presidente Prandini risponde al Sottosegretario Costa: “a rischio il settore della norcineria nazionale, che vale 20 miliardi di euro”
CINGHIALI, Coldiretti, COSTA, NORCINERIA, PESTE SUINA, PRANDINI, Non Solo Vino
I cinghiali invadono le città

Occorre intervenire con decisione per il contenimento della popolazione dei cinghiali, che senza freni si sono moltiplicati a dismisura, ed hanno invaso città e campagne, con ben 2,3 milioni di esemplari su tutto il territorio nazionale che provocano danni ed incidenti con morti e feriti, ma rappresentano anche un pericoloso veicolo per la peste suina”: il presidente Coldiretti Ettore Prandini commenta così il tweet del Sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che sottolinea come, per fronteggiare lepidemia di peste suina, è “fondamentale ridurre l'eccessiva presenza di cinghiali sul territorio” e “valutare il prolungamento dell'attività venatoria, per ridurne sensibilmente il numero” a tutela di agricoltori ed allevatori.

“Non è infatti più tollerabile l’immobilismo delle Istituzioni di fronte all’estendersi dell’emergenza che - sottolinea Prandini - mette a rischio il settore della norcineria nazionale, che è una punta qualitativa dell’agroalimentare made in Italy, grazie al lavoro di 100.000 persone tra allevamento, trasformazione, trasporto e distribuzione, con un fatturato che vale 20 miliardi. Non c’e’ consapevolezza - denuncia Prandini - del momento drammatico che stanno vivendo gli allevatori, con compensi riconosciuti che sono inferiori ai costi sostenuti per gli aumenti dell'energia e dell’alimentazione degli animali. Chiediamo - conclude Prandini - l’intervento delle autorità competenti per contrastare le pratiche sleali e fermare le speculazioni”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli