02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
AZIENDE IN CAMPO

Coronavirus, il gruppo Masi tutela i dipendenti con una copertura assicurativa specifica

In un momento di grande difficoltà la risposta della griffe della Valpolicella per garantire la salute e la sicurezza del personale

In un momento delicato per tutto il Paese a causa dell’emergenza sanitaria il Gruppo Masi, griffe della Valpolicella guidata da Sandro Boscaini, ha messo a disposizione dei propri dipendenti nuove coperture assicurative sanitarie specifiche in caso di contagio da Coronavirus, che si vanno ad aggiungere ad altre misure come lo “smart working” e l’orario continuato in aiuto dei dipendenti con responsabilità genitoriali.
“Le persone che ogni giorno lavorano per il successo del Gruppo Masi sono a tutti gli effetti parte di una grande famiglia che vogliamo proteggere e tutelare - spiega il presidente Sandro Boscaini - sono certo che ne usciremo più forti e aspettiamo di riabbracciare tutti i nostri dipendenti, senza i quali non potremmo realizzare i tanti progetti che abbiamo per il nostro sviluppo”.
La polizza, creata ad hoc dal Gruppo Generali, garantisce l’indennità per ogni giorno di ricovero superiore al settimo, l’indennità di convalescenza a seguito di ricovero causato dall’infezione al virus, un pacchetto di assistenza post ricovero che comprende trasporto in ambulanza, trasporto dal pronto soccorso al domicilio e trasferimento e rientro dall’istituto di cura specialistico, l’invio di un collaboratore familiare, il servizio di baby-sitter, la consegna della spesa a casa e l’invio di un pet-sitter.
“In un momento di grande difficoltà come questo ci è sembrato doveroso implementare azioni incisive per sostenere i dipendenti e i loro familiari - aggiugne l’amministratore delegato del Gruppo Masi, Federico Girotto - il diffondersi del Coronavirus sta mettendo a dura prova il Paese e le sue imprese, compresi noi ovviamente, ma la nostra azienda sta facendo tutto il possibile per perseguire la stabilità economica e operativa, rapportandola ai volumi di attività in essere, e tutelare l’occupazione dei propri dipendenti”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli