02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Firenze vuole l’Università del vino. La sede sarà nel Chianti ... In una villa del Cinquecento immersa nelle colline del Chianti potrebbe nascere la prima università del vino italiana con un’unica facoltà interuniversitaria dedicata a lauree, specializzazioni e master nelle materie tecnico-scientifiche ed economiche legate alla viticoltura e alla enologia. Al progetto, unico in Europa, stanno lavorando i tre atenei toscani Firenze, Siena e Pisa e potrebbe diventare realtà già a partire dal prossimo anno accademico. L’idea è stata lanciata dal rettore dell’Università di Firenze, Augusto Marinelli, ateneo dove esiste già una laurea triennale di primo livello in «Viticoltura ed enologia» presso la facoltà di Agraria e un master in «Management e marketing delle imprese vitivinicole». Un corso di laurea simile esiste anche all’università di Pisa, mentre a Siena da anni si sta discutendo la possibilità di avviare uno simile. Da qui, l’idea di unire le competenze dei tre atenei, considerati oltretutto tra i migliori in Italia, per far nascere una facoltà ad hoc. «Ho sempre pensato che la Toscana avrebbe dovuto dotarsi di strutture formative adeguate per la sua vocazione vitivinicola ed enologica - spiega il professor Marinelli - e l’università del vino, unica nel suo genere in Europa, è un obiettivo non solo raggiungibile ma di estremo interesse scientifico e accademico». Sede dell’università sarà l’azienda agricola di Montepaldi, a San Casciano nel cuore del Chianti, di proprietà dell’Università di Firenze: 325 ettari, di cui 50 coltivati a vigneto e un’antica villa medicea completamente ristrutturata, con una sala convegni da 200 posti, una decina di aule da cinquanta posti, ma soprattutto un secondo piano da trasformare in nuove aule e diverse case coloniche da 70-80 posti che potrebbero ospitare gli studenti. Insieme all’attività formativa, «l’Università del vino» vuole affiancare la ricerca, con la nascita di laboratori specializzati in enologia e viticoltura per sperimentare nuove varietà di vigneti.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli