02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Abbinamenti «mondiali» con il Prosecco ... Come aperitivo è diventato famoso in tutto il mondo, ma spesso relegato a fratello povero dello Champagne. Eppure Prosecco non significa per forza «prosecchino» e sa dimostrarsi versatile e di personalità, capace di accompagnare una cena senza fermarsi all'appetizer. Idea nella quale si è cimentato Fabio Baldassarre, chef de L'altro Mastai di Roma, nella serata «Il Prosecco di Valdobbiadene incontra il mondo», con ricette ispirate ai diversi continenti. Dedicata al Sud America la ricciola marinata con spezie e mela verde, abbinata con Jeio Valdobbiadene Brut, mentre l'Oriente propone la tempura di crostacei e coste di verdure, da sposarsi al Prosecco extradry. Il baccalà con crema di porri e patate ai frutti di bosco, accompagnato da Valdobbiadene Dry Garnei, evoca i sapori del Nord Europa, ma l'agrodolce parla cinese: millefoglie di maiale e gamberi con Cartizze Superiore. Un Prosecco bianco fermo, il Molera, per esaltare il nordafricano couscous con involtini di quaglia e ragù di verdure; originale il dessert che reinterpreta la cucina povera regionale: frittata di spaghetti dolci con fegatini e salsa al rosmarino, con Prosecco Passito Duca di Dolle.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli