02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Addio allo chef con la penna. È morto Vincenzo Buonassisi. Insegnò il gusto per la buona cucina. Giornalista e scrittore, lavorò al Corriere fino al 1974. Da qualche tempo era ricoverato al Trivulzio ... È morto l'altra notte a Milano il giornalista e scrittore Vincenzo Buonassisi, per oltre trent' anni al «Corriere della Sera», grande esperto prima di cronaca bianca sotto la guida di Ferruccio Lanfranchi, poi di musica leggera e tv ed infine approdato alla gastronomia di cui divenne un punto di riferimento nazionale. Buonassisi era nato nel 1918 e da qualche tempo era ricoverato al Trivulzio per terapie riabilitative. Una settimana fa era stato colpito da una bronchite che non è riuscito a superare. I funerali dovrebbero svolgersi martedì in mattinata nella chiesa di San Marco a Milano. Nato a L'Aquila, a 6 anni era andato a vivere con la famiglia a Roma, dove aveva studiato laureandosi in legge poco più che ventenne. La sua passione per il giornalismo era scoppiata subito ed era stato presto assunto al «Corriere della Sera». Dopo la pausa della guerra, che aveva combattuto in Africa (era stato anche prigioniero), non aveva più smesso di lavorare. Si era occupato di musica lirica, seguendo la Scala di Milano, di critica televisiva e di costume. Buonassisi entrava in forte simbiosi con gli ambienti e con le persone che il lavoro lo portava a frequentare: così divenne intimo di Maria Callas e poi di Mike Bongiorno col quale collaborò per «Lascia o raddoppia?». Aveva lavorato anche nella Rai degli esordi a Milano con un progetto, ideato da lui e da Mario Cervi, dal titolo «L'uomo è nato inventore». Per il Festival di Sanremo 1968 aveva firmato, insieme a Bertero e Valleroni «Mi va di cantare» che arrivò in finale cantata da Luis Armstrong e Lara Saint-Paul. Lasciato il «Corriere» nel 1974, si dedicò esclusivamente alle sue grandi passioni: gastronomia e cucina. Vincitore di numerosi premi, nel corso degli anni Buonassisi ha scritto innumerevoli libri, manuali, ricettari, saggi storici legati alle specialità gastronomiche. Ha rispolverato vecchie ricette, ma ha anche dimostrato sempre grande attenzione alle novità. Aveva presentato a novembre, al Circolo della Stampa di Milano l'ultimo suo libro, «Il single in cucina», un aggiornamento di un testo scritto nel 1964 con il titolo «Lo scapolo in cucina». Buonassisi è stato anche un vero personaggio televisivo, grazie alle sue moltissime apparizioni in programmi di successo, dove partecipava come esperto di cucina e non solo, facendosi sempre notare per la sua carica di simpatia e capacità di comunicare. I suoi reportage dal Festival di Sanremo per il «Corriere» erano lievi e sereni e sdrammatizzavano l'esasperato clima di competizione che già allora dominava la rassegna. Tra le prime telefonate di cordoglio alla moglie, Anna Pesenti, quelle di Mike Bongiorno e Pippo Baudo. Cui si uniscono quelle della famiglia del «Corriere».

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli