02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Ubriachi al volante, incidenti in calo: “Spaventa il sequestro dell’auto” ... Il provvedimento Confiscate in media dieci vetture al giorno. I morti sono diminuiti del 14% nei weekend dei primi sei mesi dell’anno... Guida in stato di ebbrezza: più dell’ammenda (fino a 6 mila euro) e della sospensione della patente (fino a 2 anni), ora fa paura la confisca dell’auto introdotta dal decreto sicurezza. Lo sanno bene i 699 incauti conducenti incappati nelle ultime 10 settimane nelle pattuglie della polizia stradale (ma altrettanti sarebbero quelli fermati dai carabinieri) che, davanti all’etilometro, hanno fatto schizzare con un soffio la colonnina oltre il limite di 1,5 grammi di alcol per litro di sangue. Così dal 23maggio, il giorno in cui è stato varato il decreto poi convertito in legge, con un ritmo di 10 sequestri al giorno la Stradale ha lasciato letteralmente a piedi 699 automobilisti che ora, dopo il sequestro, rischiano la confisca del mezzo se la condanna sarà definitiva.

L’effetto-decreto era stato anticipato dal bombardamento mediatico che da 16 mesi (a partire dalla strage di Ascoli Piceno compiuta da Marco Ahmetovic, aprile 2007) ha spesso portato in prima pagina gli incidenti causati da giovani imbottiti di alcol o di droga. Così, rileva il direttore del Servizio Polizia stradale Antonio Giannella (che presto lascerà il suo posto a Roberto Sgalla perché è stato promosso dirigente generale e destinato alla presidenza del Consiglio), “il tam-tam mediatico ha dato i suoi frutti e infatti i dati evidenziano un miglioramento rispetto al 2007”. Mettendo a confronto i primi 6 mesi del 2007 e l’analogo periodo del 2008, si registra dunque un calo degli incidenti avvenuti nel fine settimana (26.714, con una flessione del 10,8%), una diminuzione delle persone decedute sull’asfalto nei weekend (764, 14,3% in meno), con un dato meno negativo che riguarda i decessi di persone sotto i 30 anni e di quelle che viaggiavano in auto nella fascia oraria 22-06 del venerdì e del sabato. Nei fine settimana, mediamente, muore un minor numero di giovani (296 decessi, meno 20,9%) rispetto al 2007.
Tutto questo, conferma Giannella, è dovuto ai controlli sulle strade e alla prevenzione:
126.262 conducenti fermati nel 2008 (più 25%) che nella misura di 1 su 10 sono risultati positivi all’etilometro mentre nel 2007 positivi erano il 13,64%.
Il trend in discesa della guida in stato di ebbrezza iìguarda più gli uomini (dal 15,8 al1’11,86%) e meno le donne (da 5,39 a 4,03%) mentre sul fattore età c’è una novità:
“I ragazzi iniziano a capire i pericoli e così si organizzano con uno di loro che non beve e che si mette alla guida all’uscita della discoteca”. Per questo la Polstrada ha inventato la campagna “Guido sicuro”: un biglietto gratis per la discoteca valido il week end successivo per i ragazzi che la notte si sottopongono volontariamente all’etilometro.
Permane invece uno zoccolo duro di irriducibili, che poi sono i più pericolosi: nel 2008 invariata la quota (27%) dei conducenti positivi al test che sfondano la soglia dell’1,5 grammi alcol per litro di sangue. Oggi dalle 10.30 alle 12, gli esperti della polizia stradale risponderanno agli utenti sul sito www.poliziadistato.it.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli