02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Il vino d’Abruzzo dal nome di formaggio ... A Pescara si coltiva il pecorino, l’uva che ha la forma del muso di un ovino... Un vino che ha il nome di un formaggio per me è il massimo. Due passioni
in una. Il pecorino d’Abruzzo (inteso come vino) è un nome che non ha una storia, ma un paio di leggende: secondo la prima il grappolo assomiglia al muso di una pecora, secondo l’altra le pecore amavano brucare sotto le pergole dell’uva pecorina. È un vitigno che nasce al confine tra Marche e Abruzzo, poi scende fino a coprire tutta la regione, è una varietà che ha bisogno di temperature non calde, esprime sapori minerali, aromi primari agrumati e quindi ha bisogno di fresco. Tutte queste cose le apprendo da Sabatino Di Properzio davanti a un tavolo di legno, sotto un pergolato, dove una bottiglia di pecorino fa da aperitivo a questa storia e al pranzo che ne seguirà. Siamo sulle colline di Spoltore, alle spalle di Pescara, i primi contrafforti che si incontrano salendo, dopo dieci chilometri, dalla città verso l’interno. Sabatino Di Properzio ha un bel volto sincero, è sufficientemente ironico e scanzonato da celare appena la serietà che lo accompagna. È uno di quei piccoli-grandi imprenditori che esportano il buon nome del made in Italy enogastronomico nel mondo (è reduce dal Nordamerica). Sabatino mi guida attraverso le bontà della provincia di Pescara, tanti piccoli paesi con il borgo arroccato sul colle, vista su colline verdi, piccole vallate e il mare. Dal formaggio alla birra, dal miele al pane, prodotti di pregio della provincia italiana. Sabatino Di Properzio, con i fratelli Roberto e Andrea, come tanti grandi artigiani del gusto, prima faceva tutt’altro. La sua famiglia è sempre stata nel campo della commercializzazione di prodotti petroliferi. Lui, laureato in economia e commercio, si ritrovò ad amministrare questa azienda che produceva solo uva. Poi subentrò “e siccome non abbiamo né conti, né baroni, né papi tra i nostri antenati abbiamo lasciato il nome della figlia del vecchio proprietario”: La Valentina. Questo accadde nel 1990 e da allora, con l’enologo toscano Luca D’Attoma, Sabatino ha creato i suoi vigneti che si estendono su 40 ettari: dalla linea classica (Montepulciano, Cerasuolo, Trebbiano) a quella “speciale”: Pecorino, Bellovedere, Spelt per giungere allo straordinario Binomio, un vino unico perché per ottenerlo viene utilizzato un clone ormai scomparso, detto Clone Africa. La forma del grappolo a coda corta e acino piccolo ricorda il continente africano. Non mi resta che sedermi qui, sotto il pergolato, con la vista che spazia dalle colline al ben di Dio che ho sul tavolo: oltre alla fracchiata, arriva una splendida alice sotto sale (per diversi mesi) fatta a Pescara e poggiata sopra una lesca di pane come aperitivo (con il pecorino vino), poi gli spaghetti al ragù con il sugo di agnello, l’agnello alla brace e per concludere un pecorino (formaggio) di Farindola. Prosit.


La nostra scelta

1) Fattoria La Valentina

Via Torretta 52, Spoltore

Tel. 085.4478158

2) Antico Forno da Maria

Via Pescarina 46, Spoltore

Tel. 085.4961878

3) Birrificio Almond 22

Via Dietro le mura 36/38, Spoltore

Tel. 392.3330333

4) Oleificio La Selva d’Abruzzo

Contrada Santa Maria 3, Collecorvino

Tel. 085.979181

5) Caseificio Il Tratturo

Via Stella 29, Cepagatti

Tel. 085.9749660

6) Ristorante La Bandiera
Contrada Pastini 4, Civitella Casanova

Tel. 085.845219

7) Ristorante Delle Querce

Contrada S. Maria 8, Villa Celiera

Tel. 085.846211

8) Azienda Agricola Martinelli

Contrada Trosciano Superiore, Farindola

Tel. 085-9690410

9) Molino Cappelli

Via Raffaello 16, Moscufo

Tel. 085.979211

10) Miele biologico Le apine

Via La Marmora 5, Montesilvano Pescara

Tel. 328.4812129

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su