02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Il catasto agricolo? E aggiornato al1939 ... A Montalcino tasse zero sui vigneti, a Foggia 9 mila euro per 100 ettari ... Su ebay c’è un Brunello che si vende a 30 mila euro. Una rarità del 1888, prima grande annata ufficiale di una storia lunga e gloriosa. Male quotazioni sono alte anche per le bottiglie normali, comprate persino con i futures come si usa in Borsa. E infatti i vigneti del Brunello valgono oro, sui 350 mila euro l’ettaro. Eppure a Montalcino l’Imu sui terreni agricoli non si è mai pagata. L’evasione non c’entra, è l’intero Comune ad essere esente. Pausa di riflessione e poi giù, fino ai campi di grano della Puglia. Ebay non si vede, i futures nemmeno, molti abbandonano la campagna perché si guadagna poco. Eppure qui l’Imu l’hanno pagata: quasi 9 mila euro per un terreno di 100 ettari nel foggiano. Possibile? Possibile perché il catasto è sempre il catasto, quello agricolo è peggio di quello delle case. E, con buona pace di Esopo e dei suoi due topolini, la campagna in fondo è come la città, dove l’appartamento a Piazza di Spagna veniva salvato dall’Imu perché in teoria utrapopolare mentre il due camere e cucina in periferia si prendeva una bastonata da mille euro. Anche per questo non è certo che tutti i terreni agricoli vengano risparmiati dalla seconda rata dell’Imu, insieme a tutte le prime case, come da decreto legge atteso per martedì. Far pagare tutti i terreni significherebbe in realtà rimettere in piedi le ingiustizie del nostro catasto alla rovescia. Ed è allora possibile che il decreto diventi l’occasione per dare una rinfrescata a quella cartina ferma in sostanza al 1939. Al momento su 8 mila Comuni quelli esentati dall’Imu agricola sono 6 mila. Tre su quattro. Ci sono quelli di montagna, al di sopra dei 90o metri, quelli delle aree svantaggiate, formula ambigua sempre utilizzabile alla bisogna. E pure quelli di collina, perché guidare il trattore sui terreni scoscesi è pericoloso. Attenzione, un fondo di verità c’è: gli incidenti con i trattori fanno un morto ogni due giorni, la metà di quelli in autostrada anche se nessuno ne parla. Ma è dall’intreccio di queste regole che vengono fuori le ingiustizie. Molti Comuni dove si producono i grandi vini italiani, che da prodotto del contadino sono diventati campioni del made in Italy, sono esenti: oltre a Montalcino c’è anche Montepulciano e un pezzo del Chianti, mentre nelle Langhe non si fanno sconti. Niente Imu nemmeno sui terreni di Cortina d’Ampezzo e Courmayeur dove pure l’agricoltura non è proprio estensiva. Mentre chi coltiva riso a Pavia deve tirare fuori 7 mila euro per 5o ettari. Per questo l’idea del governo è di far pagare l’Imu sui terreni, alleggerendo magari l’aliquota ma tagliando da 6 mila a poco più di 4 mila il numero dei Comuni esenti. Montalcino è in cima alla lista.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli