02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Vendemmia? No, vacanza. Come divertirsi tra le viti ...
Raccogliere e pigiare. Immergersi
e pedalare. La
vendemmia è una festa per
i cinque sensi. Da Appiano
all’Irpinia. Passando per i
vigneti umbri e toscani,
quelli sardi o siciliani.
Intenditori e non, la
passione per il vino ha
contagiato (quasi) tutti.
Ecco allora che la vendemmia diventa occasione
per ritornare in vacanza, anche se solo per un brevissimo,
ma intensissimo, weekend. In bicicletta,
sul fuoristrada, nella vasca o in cucina, l’uva vi
aspetta.
La festa è già iniziata. Stasera Bottega SpA (già
Distilleria Bottega) di Bibano di Godega in provincia
di Treviso la celebrerà con il concerto del
trio d’archi femminile Serenissime Dame Venice
Ensemble (ore 18). Da domani tutti in vigna. In
bicicletta? Il Relais Franciacorta ha organizzato
quattro “bike tour” tematici: dalla cantina Berlucchi
alla Riserva naturale regionale delle Torbiere;
tra natura e sapori da Borgonato, Iseo e Adro; con
visita ai castelli oppure alle chiese della Franciacorta
(www.relaisfranciacorta.it).
Se sognate l’Africa ma amate i calici italiani la
vostra destinazione di “wine-break” è l’Umbria.
Tra le varie proposte del Consorzio Umbria Benessere,
il Country Chic Resort Roccafiore abbina il
“Safari in vigna” con tour in fuoristrada dei vigneti
e dell’allevamento dei maialini di cinta senese
Jurassik Pork al “Pic-nic del Grechetto” (2o euro
a persona, www.umbriabenessere.eu).
Vignaioli per un giorno. Dal Brunello di Montalcino
al Chianti Classico, oltre alle visite guidate
e alle degustazioni in cantina i “wine lovers” hanno
l’opportunità di partecipare al rituale della raccolta
delle uve a fianco dei vigneron condividendo
cerimonie antiche che si tramandano di padre in
figlio nella speranza di una “ottima annata”. Tutti
i giorni, fino alla fine di settembre, gli appuntamenti
organizzati dal Movimento Turismo Vino
Toscana (www.mtvtoscana.com). Un’esperienza
da arricchire con la visita alle bellezze paesaggistiche
e artistiche della zona. A Bargino nel Chianti
Classico, ad esempio, non si può perdere l’avveniristica
cantina Antinori, con museo e auditorium,
ma neanche il Castello di Gabbiano a Mercatale Val
di Pesa. La cena è al ristorante Rinuccio 1180, in
un ampio spazio vetrato sulla terrazza panoramica
della cantina (www.antinorichianticlassico.it).
Gli interventi di archistar hanno trasformato le
cantine d’autore in attrazioni turistiche che valgono
già il viaggio. Sorprendente, ad esempio, quella
di Feudi di San Gregorio a Sorbo Serpico, nel
cuore della campagna irpina. Anche lì, per tutto il
mese di ottobre gruppi di 5/6 persone possono vivere,
armati di forbici e stivali, un’esperienza vendemmiale
vera e propria, pernottamento nella
country house dell’azienda. Cielo capriccioso? Saranno
pronti a consolarvi con esperienze più
“soft” (www.feudi.it/visite). Camera con vendemmia
anche al Pampa Relais&Taste di Melizzano,
terra di Solopaca, Falanghina e Aglianico del
Taburno, con una proposta di pernottamento,
vendemmia e benessere per minimo due notti
(460 € a persona) o all’Arbatax Park in Sardegna
(444.50 € a persona). Sempre in Sardegna, la Cantina
Argiolas di Serdiana vi porta dalla vigna (stage
di 3 ore al costo di 35 euro) alla cucina (lezioni
di 3 ore: 75 € per quella individuale, go € in gruppo).
Se volete ritemprarvi con l’uva non c’è che l’imbarazzo
della scelta tra le proposte di vinoterapia
dei più bei resort italiani. Rituali con vino, vinacce
e concentrato di mosto prodotto dall’azienda Baracchi
nella Thesan Etruscan Spa del relais della
famiglia produttrice, Il Falconiere a Cortona. Bagno
al vino per due nella tinozza e peeling ai vinaccioli
anche alle Terme di Merano. E in tutto
l’Alto Adige la festa del vino nuovo si chiama
Törggelen e si festeggia di vigna in vigna, di stube
in stube. Tra i più caratteristici il “sentiero del castagno
”: da Castel Roncolo all’Altipiano del Renon.
Mentre “L’ultimo carico d’uva” è a Cornaiano/
Appiano (11 ottobre) e “Il vicolo del vino” a
Termeno (18 ottobre), con carri allegorici e bande
musicali. Vi aspetteranno, oltre al buon vino, le castagne. Allora, l’autunno sarà già iniziato.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli