02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SOSTEGNI

Dal microcredito 3,58 miliardi di euro alle imprese agricole, a fronte di 23.035 domande presentate

Il Sottosegretario alle Politiche Agricole L’Abbate: “in media, 155.000 euro ad azienda, la Lombardia la Regione che ha attinto maggiormente al fondo”
AGRICOLTURA, L'ABBATE, MICROCREDITO, MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, SOSTEGNI, SOTTOSEGRETARIO, Non Solo Vino
Il mondo agricolo supportato dal microcredito

Ad un anno dall’avvio dell’operatività, l’accesso diretto al Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale ha concesso finanziamenti alle imprese agricole e della pesca per oltre 3,58 miliardi di euro, a fronte di 23.035 domande presentate. La novità per il credito al comparto primario è divenuta realtà grazie a un emendamento al decreto “Cura Italia”, e ha permesso di supportare le aziende durante la pandemia sia con iniezioni di liquidità che con pianificazioni di investimenti. L’importo medio della singola pratica, infatti, è pari a circa 155.000 euro, segno che vengono istruite pratiche più complesse di quelle sino a 30.000 euro, notoriamente più semplici grazie alla garanzia statale al 100%”. Così il Sottosegretario alle Politiche Agricole Giuseppe L’Abbate (M5S), che ha avviato il “Progetto Credito” per riavviare il dialogo tra banche e imprese del comparto primario.

La palma dell’istituto di credito più operativo - aggiunge - spetta a Intesa Sanpaolo con 668 milioni di euro di pratiche istruite, per un valore medio di 153.000 euro per ogni pratica, che, da sola, rappresenta il 20% del totale finanziato. Seconda Unicredit (318 milioni di euro e 1.814 pratiche), terzo il Banco BPM (369 milioni di euro e 1.788 pratiche), in tutto sono ben 378 gli istituti coinvolti. Tra i territori che attingono maggiormente al fondo - continua L’Abbate - troviamo la Lombardia, con 519 milioni di euro, frutto di 2.749 pratiche, seguita dal Veneto (572 milioni di euro e 2.715 domande), Piemonte (310 milioni di euro), Emilia-Romagna (471 milioni di euro) e Toscana (347 milioni di euro). Prima Regione del Sud è la Sicilia, con 211 milioni di euro e 1.739 pratiche, seguita dalla Puglia, con 204 milioni di euro e 1.639 domande”.

Ad aiutare il mondo agricolo, ricorda ancora il Sottosegretario alle Politiche Agricole, non ci sono solo gli istituti di credito, perché “alla garanzia del Fondo di Mediocredito Centrale è possibile, poi, sommare l’ipoteca grazie a un’ulteriore novità normativa che abbiamo introdotto nel Sostegni-bis, così da agevolare ancor di più l’accesso al credito delle imprese agricole. Ai 3,6 miliardi del Fondo di Garanzia, si aggiungono i 1,5 miliardi garantiti da Ismea a oltre 2.000 aziende. L’Ente vigilato dal Ministero delle Politiche Agricole, infine, è riuscito ad ottenere dall’Unione Europea l’estensione della durata dei finanziamenti sino a 10 anni. Il “Progetto Credito” continua così con l’intento di affiancare il lavoro di rilancio post-Covid portato avanti dal comparto agricolo e alimentare italiano”, conclude Giuseppe L’Abbate.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli