02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Dal videogame al wine game: dalla Puglia l’idea di Varvaglione1921 parla ai giovani

Progetto nato per i dieci anni della linea “12eMezzo”: una esperienza virtuale immersiva, dai vigneti a Vinitaly 2022

Dai video game al wine game. È l’idea lanciata dall’azienda tarantina Varvaglione1921, cantina tra le più antiche di Puglia e da sempre legata alla proprietà della famiglia Varvaglione, per i dieci anni della linea “12eMezzo”, progetto che strizza l’occhio all’universo giovanile. In particolare, il video game pensato da Varvaglione1921 si propone come una esperienza immersiva e divertente nel mondo della viticoltura e che, tra l’altro, condurrà i winelovers a scoprire le etichette a Vinitaly (10-13 aprile, a Verona) dell’azienda tarantina. Ci sarà una guida speciale, Ercolino, il cane della famiglia Varvaglione, che accompagnerà i giocatori attraverso i vigneti, scansando tutto ciò che mette in pericolo la vite e l’uva, passando per le fasi di imbottigliamento fino alla degustazione. Il gioco prevede diverse fasi che alla fine condurranno il winelover a Vinitaly, dove nel consueto e atteso angolo social sarà possibile continuare a giocare e aggiudicarsi gadget da ritirare direttamente in Fiera.
Il videogioco, che sarà attivo per un mese, on line, è suddiviso in tre livelli, ognuno dei quali è rivolto ad una fase diversa della catena di produzione dei vini Varvaglione: dal vigneto alla vendita (o meglio, in questo caso, a Vinitaly 2022).
Per i primi due livelli, si può parlare di “edutainment gaming”, ovvero la comunicazione giocosa finalizzata alla didattica. Il primo è ambientato in una vigna, dove il player deve guidare un trattore e raccogliere gli elementi essenziali per la produzione, quali l’uva e l’acqua, e schivarne altri, che potrebbero invece danneggiare il raccolto, come la neve e i funghi. Il secondo si concentra sul processo di imbottigliamento e protagonista è la bottiglia che l’utente deve muovere su un rullo, prendendo gli oggetti utili al suo completamento (etichette e tappi) ed evitando quelli non inerenti. In entrambi i livelli, c’è un cane-guida, Ercole, la mascotte della cantina, e ogni volta che il player si imbatte in uno degli elementi, funzionali e non, si aprono dei pop-up informativi con una breve spiegazione di ognuno. L’obiettivo è, quindi, quello di far scoprire attraverso il gioco la scoperta del ciclo di vita del prodotto, dalla raccolta del vino alla produzione della bottiglia. Il terzo e ultimo livello si svolge in una fiera, metaforicamente il Vinitaly 2022, in cui il giocatore deve man mano raccogliere i loghi del brand Varvaglione1921 per raggiungerlo.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli