02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TREND

Dopo il calo dei consumi di febbraio, i consumi alimentari in Gdo tornano a volare a Pasqua

Coop Italia: +5% nella settimana pasquale, gli italiani hanno voglia di tornare a spendere, ma il Governo sostenga chi è in difficoltà
CONSUMI, COOP, GDO, ISTAT, PASQUA, Non Solo Vino
Nella settimana di Pasqua volano gli acquisti in Gdo

Gli italiani vogliono uscire dalla bolla in cui sono chiusi, vogliono spendere e festeggiare in qualche modo un ritorno alla normalità. Anche solo parziale. Nonostante Istat rilevi una flessione delle vendite di beni alimentari e di quelle della Gdo nel mese di febbraio, le vendite pasquali registrate da Coop Italia si attestano a un +5% sul 2020. Una voglia di normalità che ha riportato gli italiani a spendere, ad aprile, anche più della stessa settimana pasquale del 2019, all’epoca Covid free. Certo la pandemia ha cambiato in parte le modalità di acquisto rendendo, per esempio, l’e-commerce un fenomeno strutturale, con un +20% sul 2020 e un + 300% sul 2019. Come evidenziano i primi dati raccolti da Nielsen, in questa Pasqua però gli italiani sono tornati agli acquisti negli iper, che registrano un +20% sul 2020 (quando erano chiusi per lockdown) e +5,6% sul 2019 quando invece tutto era aperto e non sapevamo ancora cosa fosse il Covid.
“Stiamo attraversando indubbiamente una fase complessa da due punti di vista. Da un lato la crisi economica ha assottigliato le possibilità di spesa degli italiani e dall’altro le continue chiusure fanno sentire più che mai alle famiglie la necessità di ripristinare una normalità quantomeno nelle festività tradizionali”, commenta Marco Pedroni, presidente Ancc-Coop - Associazione nazionale delle cooperative di consumatori e di Coop Italia.
“In questa ottica, le future mosse del Governo sono fondamentali. Servono sostegni efficaci, efficienti e rapidi all’occupazione e ai redditi più bassi che possano sostenere i consumi e il ciclo economico. E poi serve detassare i consumi dei prodotti sostenibili, agevolare gli acquisti per chi è più in difficoltà. C’è la chiara necessità di sostenere con decisione le famiglie in una progettazione nazionale, globale e inclusiva che non è più rimandabile”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli