02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

È quella dell’Asolo Prosecco Spumante Brut 2015” dell’azienda agricola Rech Simone di Monfuno (Treviso) l’“Etichetta dell’anno 2016”, riconoscimento più ambito del “Concorso Internazionale Packaging di Vinitaly” n. 20

Italia
Concorso Internazionale Packaging Vinitaly: la migliore etichetta 2016, Asolo Prosecco Spumante Brut 2015 dell’azienda agricola Rech Simone - Tenuta Amadio di Monfuno (Treviso)

È quella dell’Asolo Prosecco Spumante Brut 2015” dell’azienda agricola Rech Simone - Tenuta Amadio di Monfuno (Treviso) l’“Etichetta dell’anno 2016”, riconoscimento più ambito del “Concorso Internazionale Packaging di Vinitaly” n. 20. La giuria, guidata dal designer Cleto Munari e composta da Alberto Gozzi (art-director), Luca Fois (designer), Elvilino Zangrandi (designer), Annibale Toffolo (giornalista), ha assegnato anche il premio speciale “Packaging 2016” alla Cantina dei Colli Ripani di Ripatransone (Ascoli Piceno), e quello per la migliore “Immagine coordinata 2016” all’Azienda Agricola Francesco D’Alessandro di Ortona (Chieti).
La competizione, organizzata da Veronafiere-Vinitaly (10-13 aprile, Verona, www.vinitaly.com) con lo scopo di evidenziare il miglior “abbigliaggio” dei vini, dei distillati, dei liquori e degli oli extra vergine d’oliva (bottiglia, chiusura, capsula, etichetta, collarino ...) “ha premiato lo sforzo di quelle aziende che più stanno investendo risorse e creatività nell’estetica del proprio prodotto”, si legge in una nota (qui tutti i vincitori dei premi di categoria, http://goo.gl/h9wHzR).
187 i campioni ammessi alla competizione provenienti da Francia, Italia e Spagna che, a detta della giuria, testimoniano un “innalzamento del livello medio delle proposte, con il binomio innovazione e tradizione declinato verso un’immagine più internazionale, per poter attrarre un maggior numero di persone nel mondo. Per un prodotto che deve parlare velocemente e immediatamente di sé e del produttore, dire la verità e raccontare il proprio rapporto con il territorio. Importante è anche l’aspetto emotivo perché il cervello reagisce prima alle emozioni”.
“Vorrei, però, che le aziende vitivinicole avessero - ha detto Cleto Munari - più coraggio con etichette e packaging, che osassero di più con proposte nuove, divertenti e anche un po’ azzardate”. Un auspicio che sembra andare verso i consumatori più giovani, in particolare i Millennial americani, più sedotti da bottiglie attraenti e un magari un po’ stravaganti.
Il Concorso Internazionale Packaging è un evento complementare a “Five Star Wines”, il nuovo premio di Vinitaly, in programma a Veronafiere, dall’1 al 3 aprile, con lo scopo di premiare, invece, la qualità dei vini di tutto il mondo.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli