02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EVENTI E PANDEMIA

Fiere, “il Governo apra con urgenza corridoi verdi per garantire internazionalità, come in Germania”

L’appello (l’ennesimo) di Aefi (Associazione Esposizioni Fiere Italiane) e Cfi - Comitato Fiere Industria. Già 70 fiere italiane rinvitate nel 2022
AEFI, CORRIDOI, FIERE, Non Solo Vino
Maurizio Danese, presidente Veronafiere e Aefi (Associazione esposizioni e fiere italiane)

Dal mondo fieristico italiano, con già tante manifestazioni rinviate cercando nella primavera un alleata contro il Covid, arriva un nuovo appello al Governo, affinché faciliti l’arrivo degli operatori esteri, fondamentali per il mercato di tanti settori “export oriented” come il vino ed il cibo, ma non solo, e per il successo delle fiere stesse. Comparto che, tra fatturato diretto e indotto, genera un business di 60 miliardi di euro anno. “Ci appelliamo al Governo affinché siano approntati con urgenza nuovi corridoi verdi per consentire anche a operatori internazionali vaccinati non Ema di partecipare alle fiere in Italia. Il rischio per la seconda industry fieristica europea è di perdere il proprio carattere internazionale - discriminante fondamentale per l’export delle imprese del made in Italy - lasciando il campo libero ai competitor tedeschi, che hanno già adottato programmi di ingresso anche in favore di operatori e buyer provenienti dai Paesi terzi con vaccini diversi da quelli riconosciuti dall’Agenzia europea del Farmaco, come rilevato dall’Auma l’associazione di riferimento per le fiere in Germania”, sottolineano il presidente Aefi (Associazione Esposizioni Fiere Italiane) Maurizio Danese (vertice anche di VeronaFiere, che organizza Vinitaly, ndr) e il presidente Cfi (Comitato Fiere Industria), Massimo Goldoni.
“Il parere favorevole, espresso la scorsa settimana dalla Camera - spiegano - su proposta dell’onorevole Benedetta Fiorini, che impegna a valutare protocolli specifici per l’ingresso di operatori internazionali con vaccini non riconosciuti da Ema, va nella direzione giusta, ma occorre dare un seguito immediato agli obiettivi, perché allo stato attuale il sistema fieristico sta andando in ordine sparso alle prese con rinvii e forti difficoltà a mantenere il livello di internazionalizzazione richiesto dalle imprese. Servono regole chiare sulla falsariga di quelle tedesche, che prevedono la possibilità di accogliere gli operatori internazionali, senza quarantena e per un massimo di 5 giorni, in occasione di eventi fieristici”.
Le attuali regole italiane richiedono per le fiere vaccinazioni suppletive con vaccini riconosciuti da Ema. Queste disposizioni scoraggiano chi deve venire in Italia con continue disdette di operatori, in particolare dei Paesi terzi che provengono da Asia e Russia. Sono 70 le manifestazioni rinviate in questo inizio di anno, sottolineano Aefi e Cfi.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli