02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Finanza&mercati

Zaia: “La Fieragricola di Verona confermerà il primato italiano” ... Il ministro alla presentazione della rassegna internazionale che si terrà dal 4 al 7 febbraio: sono attesi 1.271 espositori e 250 buyer da 35 Paesi. Dopo il tracollo dei redditi patito nel 2009, i numeri fanno ben sperare... “Ci aspettiamo una fiera agricola da numeri uno, perché l’agroalimentare italiano è leader nel mondo”. Il ministro dell’Agricoltura, Luca Zaia, alla conferenza stampa di presentazione della fiera che si terrà a Verona dal 4 al 7 febbraio, lancia un messaggio chiaro: nell’agroalimentare l’Italia non ha rivali. Il ministro ricorda che il prodotto Italia è apprezzato ormai in tutto il mondo, a partire dalla Cina: “C’è grande attenzione per l’etichettatura e la tracciabilita che, ovviamente, rafforzano la credibilità del prodotto. E questo ci fa grande piacere”. Fieragricola è, a livello europeo, la seconda manifestazione dedicata al settore primario nel rapporto costi-contatti, immediatamente dietro Agritecnica di Hannover: accoglierà 1.271 espositori (+0,7% sul 2008), di cui 15% esteri su una superficie di 120mila metri quadrati. Sono attesi oltre 250 buyer da 35 Paesi. Insomma, Fieragricola è sempre più un evento di International Agribusiness show, strumento moderno, competitivo ed efficace per esplorare il mondo dell’agricoltura e orientarsi in scenari necessariamente all’avanguardia. Cinque le aree tematiche: Agrimeccanica (dedicata alle innovazioni tecnologiche e di processo nel campo della meccanica, macchine e attrezzature agricole), Agriservice (servizi innovativi per lo sviluppo dell’agricoltura, compreso il Salone della Multifunzione: opportunità per differenziare attività e fonti di reddito), Zoosystem (tecnologie e attrezzature per l’allevamento da reddito, prodotti per la nutrizione e la salute animale), Bioenergy Expo (il Salone dedicato alle energie da fonti rinnovabili in agricoltura), Agripiazza (Salone dei mezzi tecnici per l’agricoltura). Alla rassegna fieristica partecipano tutti gli attori del settore e, come nel 2008, è prevista un’ampia offerta di contenuti, presenze, dibattiti, incontri tecnici e scientifici, in quanto è rivolta a imprenditori agricoli, allevatori, imprese di meccanizzazione agricola, veterinari, costruttori e commercianti di macchine agricole, mangimisti, industria per la produzione di beni destinati al settore primario. Tra le novità di Fieragricola anche il confronto che si svolgerà nell’ambito di Zoosystem tra le bovine di razza Hallstein, organizzato dall’Associazione provinciale allevatori di Verona, in collaborazione con l’Aia, l’Apa di Brescia e Veronafiere. Altro aspetto innovativo è l’Energy Expo, che mette a fuoco le diverse fiere legate alle energie verdi, per una diversificazione quanto mai necessaria nel settore primario. La diversificazione può rappresentare un volano per la ripresa del settore. Nel 2009, infatti, i redditi agricoli europei sono calati mediamente del 14% sul 2008 (Osservatorio Fieragricola su dati Eurostat) e ancora più drastica è stata la contrazione per gli agricoltori italiani, che accusano un crollo sui redditi di oltre il 25 per cento. Nel 2010 gli agricoltori si aspettano una ripresa. I primi segnali, almeno in alcuni settori, sembrano essere confortanti. In Lombardia - uno dei cinque motori dell’agricoltura europea - è stato da poco stabilito il prezzo del latte. L’accordo interprofessionale fissa una cifra di 331,56 euro a tonnellata. Appena sufficiente per coprire i costi di produzione medi, eppure in salita rispetto alle quotazioni del latte nel primo semestre dello scorso anno, quando circolavano ben altre cifre (250 euro la tonnellata). Anche la suinicoltura, dopo un 2009 che non ha regalato grandi soddisfazioni (ma nemmeno ingenti perdite, grazie al prezzo basso dell’alimentazione animale), sembra proiettata verso la ripresa, sulla scorta di una contrazione del numero dei suini allevati in molti Paesi d’Europa.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli