02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EDITORIA ENOGASTRONOMICA

Gambero Rosso, partnership con Università Telematica Pegaso, che compra il 20% delle azioni da Class

Affare da 3,2 milioni di euro, con Class che resta in controllo (61,17%) del Gambero. A WineNews, le parole del presidente esecutivo Paolo Cuccia
BORSA, FORMAZIONE, GAMBERO ROSSO, PAOLO CUCCIA, PEGASO, Italia
Il presidente esecutivo del Gambero Rosso Paolo Cuccia

Continuano le novità in casa Gambero Rosso, il più importante gruppo editoriale del wine & food italiano. Dopo l’annuncio del debutto nel mercato delle aste di vino, in partnership con la casa italiana Wannenes (primo evento il 24 ottobre, nel debutto della “Roma Gambero Rosso Wine Weeks”), oggi arriva la notizia della cessione da parte di Class Editore, azionista di maggioranza e controllante del Gambero Rosso, del 20% delle azioni di Gambero Rosso Spa ad Università Telematica Pegaso.

“Class Editori comunica che, in data odierna, è stata effettuata la cessione a Università Telematica Pegaso (attraverso la sua controllata al 100% Garage Start up Srl) di 2.889.800 azioni di Gambero Rosso Spa, pari al 20% del capitale della società, i cui titoli sono negoziati all’Aim Italia di Borsa Italiana. La cessione è avvenuta a un prezzo di 1,12 euro per azione (per un valore di totale di 3.236.576 euro). In seguito all’operazione Class Editori mantiene il controllo di Gambero Rosso, con una quota del capitale pari al 61,17% della società (pari a 8.838.950 azioni)”, spiega una nota ufficiale (mentre l’1,5% è di proprietà di Luigi Salerno, ed il 17% il flottante, ndr).


“Con questa operazione non solo prosegue, ma accelera lo sviluppo di Gambero Rosso - spiega a WineNews il presidente Paolo Cuccia - grazie al nostro modello di business che punta a dare sempre più contenuti e servizi. Questo con Pegaso, che è leader nella formazione a distanza a livello italiano ed europeo, non è un affare economico, ma una vera e propria partnership. Noi abbiamo sei scuole professionali, abbiamo attivato 13 Master con tante importanti Università, dalla Luiss di Roma al Cà Foscari a Venezia, o al Politecnico di Torino, per esempio, ma sia in Italia, che è fatta di tanti angoli non facilmente raggiungibili, e soprattutto a livello internazionale, ci serviva un partner di alto livello, e quindi è un incontro di intenti per crescere insieme”.

Ma non si ferma qui la strategia del Gambero Rosso: “cresciamo all’estero, ma ci focalizziamo anche sullo sviluppo in Italia. Anche con gli eventi. In questo - spiega Cuccia - momento sono all’Aeroporto di Fiumicino, tra i migliori di Europa, che ci ha voluto come partner dove stiamo presentando le guide delle eccellenze di Roma e Lazio, il 15 luglio faremo un evento simile a Milano, “The Best in Lombardy” con quelle di Milano e Lombardia, con la Regione che ci ha coinvolto anche per ricordare che la Lomardia è una delle regioni agricole più importanti d’Italia. E poi con la “Gambero Roma Wine Weeks”, che parte in concomitanza con la “Vendemmia di Roma” (evento che unisce le griffe del vino italiano alle boutique dell’alta moda, ndr) e poi porta alla presentazione delle nostre guide ai ristoranti, ai vini e al cibo di qualità. E dove ci sarà anche il debutto della partnership con Wannenes, che ci ha cercato, con questa grande ed importante asta (in calendario il 24 ottobre, ndr)”.

“L’operazione rafforza il rapporto nel settore educational che già lega Class Editori e Università Telematica Pegaso , leader assoluto nell’e-learning. L’Education è uno dei settori di sviluppo della casa editrice, che così avanza anche nell’integrazione con Gambero Rosso” dichiara Paolo Panerai, vicepresidente e amministratore delegato di Class Editori.

“Con quest’accordo si intensifica il già stretto rapporto fra le nostre due realtà di eccellenza, con un trasferimento di competenze nella produzione di contenuti e di tecnologie all’avanguardia che ci consente di essere sempre più competitivi e di rafforzare il nostro primato”, commenta Danilo Iervolino, presidente di Pegaso Università Telematica.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli